Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vescovo cattolico brasiliano appare nudo in video, papa Francesco gli toglie la diocesi

© Igor Mikhalev / Vai alla galleria fotograficaVia della Conciliazione
Via della Conciliazione  - Sputnik Italia, 1920, 18.08.2021
Seguici su
Una nuova spina nel fianco per papa Francesco giunge dal Brasile, dove a Sao José do Rio Preto, ha rimosso il vescovo Tomé Ferreira da Silva perché è stato diffuso dai media un video in cui si vedeva il porporato nudo mentre si intratteneva in una videoconferenza con un’altro uomo, le cui generalità sono rimaste segrete.
E mentre la diocesi brasiliana ha già il suo amministratore apostolico in sede vacante, ovvero il vescovo Moacir Silva, arcivescovo di Ribeirao Preto, sui media internazionali si diffondono i particolari dell’accaduto.

Il video inviato al giornale locale

Il video in questione, della durata di 1 minuto e 20 secondi, è stato inviato al quotidiano locale Diario da Regiao, scrive Il Messaggero.
I primi secondi del video presentano la persona che verrà vista nei fotogrammi successivi nuda. Il video mostra anche il volto della persona, permettendone quindi il riconoscimento.
Il quotidiano locale si è anzitutto rivolto alla diocesi per chiedere un commento e alla fine il vescovo Tomé, 60 anni, ha accettato di ricevere un giornalista senza fotoreporter al seguito.
Il vescovo ha visto le immagini e ha ammesso di essere lui quello che si vedeva nel video, ma ha anche chiesto con insistenza di sapere chi gli aveva passato il video, voleva sapere se fosse stato un suo collaboratore a carpirgli il video dallo smartphone o con quale altra tecnica vi fossero riusciti.
Lo stesso vescovo brasiliano, da quanto si apprende, oltre ad essersi rifiutato di rispondere ad altre domande affermando che prima doveva contattare il suo legale, ha anche contattato la polizia perché vuole sapere come il video è uscito dal suo smartphone.

I precedenti

Alcuni anni fa il Vaticano aveva avviato una indagine sul vescovo per presunti insabbiamenti di casi di abusi sessuali messi in atto da parte di sacerdoti della diocesi che amministrava.
In un altro caso i quotidiani locali avevano denunciato che il vescovo Tomé intratteneva una comunicazione a distanza con un giovane, scambiando messaggi sessuali.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала