Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Selvaggia Lucarelli e le "vacanze da incubo" a Noto. Il sindaco: "Comunità offesa e tradita"

Piazza Armerina, Sicilia - Sputnik Italia, 1920, 17.08.2021
Seguici su
La giornalista ha pubblicato sui suoi canali social le immagini delle discariche abusive della città. La replica del sindaco: "Mortifica una comunità".
Una serie interminabile storie su Instagram, un lungo post di denuncia su Facebook e la querelle ingaggiata con il primo cittadino, Corrado Bonfanti. La vacanza di Selvaggia Lucarelli a Noto, in Sicilia, è diventata un vero e proprio caso di cronaca.
La giornalista ha affittato una villa nel comune del Siracusano per trascorrere una vacanza con la propria famiglia, ma, poco dopo il suo arrivo, stando al racconto sui social, sarebbero iniziati i problemi. Dalla mancanza di elettricità ed acqua corrente, fino all’impossibilità di fare la raccolta differenziata, sebbene nel comune sia attivo il servizio di ritiro porta a porta dei rifiuti.
Così la vacanza si è trasformata in un reportage di denuncia sulla sporcizia della città. Su Instagram, le immagini dell'immondizia e delle discariche abusive hanno iniziato a prendere il posto di quelle dei capolavori barocchi della città o dell’acqua cristallina del mare siciliano.

“Nella casa in cui sono ho avuto mille problemi: luce e acqua che andavano via per problemi in parte dell’Enel e in parte del locatore, che ha una trivella per l’acqua e nessun generatore”, scrive la giornalista in un post su Facebook e Instagram che ha raccolto migliaia di like e condivisioni.

“Soprattutto, - continua - mentre raggiungevo le mete più belle di questa Sicilia, mi imbattevo nelle cose più brutte”. “Noto – denuncia - è stretta in una morsa di rifiuti prepotente e nauseabonda. Rifiuti che non si nascondono, ma che sono ovunque. Nelle vie che portano alla cittadina, davanti agli ingressi dei grandi resort, sulle strade per l’oasi di Vendicari, nella stessa Noto, se si sposta lo sguardo poco più in là dal centro. Frigoriferi, pannolini, tv, perfino un biliardino in bella vista. E poi discariche abusive ovunque a cui si dà fuoco, che si rigenerano all’istante”.
Secondo la Lucarelli, in città, nonostante la differenziata sia obbligatoria, ci sarebbe il “60 per cento di evasione”. “I cassonetti non esistono più. E quindi la gente butta tutto per strada. – scrive ancora la giornalista - Nella villa che ho affittato non ci sono i mastelli. Mi si è detto: butta tutto insieme, poi ci pensa il giardiniere”.
Poi attacca il sindaco, affermando di non aver avuto riscontro da parte dell’amministrazione comunale. Il primo cittadino, a Ferragosto, aveva replicato, sempre via Facebook, ricordando che la giornalista era arrivata a Noto per la settima edizione del “Giacinto Festival”, “onorando l’evento e i suoi organizzatori”.
Tuttavia, sottolinea, “così come il suo disagio merita comprensione e rispetto, allo stesso modo la nostra città e il nostro territorio, luoghi unici e ricchi di storia, meritano, anzi esigono, altrettanto rispetto”. Il sindaco parla a nome di “centinaia di imprenditori e commercianti seri, onesti, ospitali, premurosi e accoglienti, persone che hanno investito risorse della loro famiglia o che si sono indebitate credendo e scommettendo nelle potenzialità di questi luoghi straordinari”.
L’intera comunità di Noto, insiste il sindaco, “si ritiene, proprio come lei cara signora Lucarelli, offesa e tradita”. “Una disavventura può mai arrivare a mortificare una comunità che l’ha accolta a braccia aperte?”, si domanda.
Anche le reazioni dei cittadini sono contrastanti. Alcuni concordano con la denuncia della giornalista, altri la accusano di mettere in cattiva luce il territorio.
“Questa denuncia, da lei più volte sottolineata nei social, - ammette, però, infine, il primo cittadino - deve essere letta come accorata raccomandazione ad alzare il livello di attenzione perché in futuro fatti del genere non debbano più accadere”.
La giornalista, però, non intende lasciare correre. “Scriverò un lungo articolo nei prossimi giorni”, promette ringraziando “i tantissimi cittadini siciliani onesti e stanchi che mi stanno supportando sia sul posto che via messaggio”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала