Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Roma, Calenda lancia la piazza Sì Vax: l'11 settembre la manifestazione

© AFP 2021 / Alberto PizzoliCarlo Calenda
Carlo Calenda  - Sputnik Italia, 1920, 16.08.2021
Seguici su
Un'iniziativa che "non vuole essere divisiva", ha affermato il candidato sindaco di Roma, che lancia un appello a Nicola Zingaretti e Virginia Raggi.
Davanti allo scetticismo sui vaccini, che ha raccolto nelle piazze tantissimi manifestanti contro il green pass, Carlo Calenda rompe gli indugi e tenta la costruzione di un fronte favorevole alla vaccinazione, lanciando la prima piazza Sì-Vax.

"Basta No Vax, Ni Vax e fiancheggiatori vari. L’Italia seria deve reagire a questa deriva irrazionale, pericolosa e insensata", scrive in un tweet.

La proposta di una manifestazione "aperta a tutti e senza simboli di partito", prevista per l'11 settembre a Roma, è arrivata sabato 14 agosto, ma è stata accolta in maniera tiepida dal PD e dalle altre forze politiche dell'ex maggioranza giallorossa.
In vista delle elezioni per il campidoglio, i dem temono che la competizione pre-voto possa pregiudicare un'adesione unitaria alla mobilitazione.
Se Carlo Cottarelli aderisce con entusiasmo, Roberto Gualtieri e Virginia Raggi sono più cauti, ravvisando nella piazza pro-vaccini una forzatura che potrebbe andare a vantaggio del candidato sindaco di Azione.
Per questo, Calenda si rivolge direttamente a Nicola Zingaretti e all'attuale sindaca di Roma, dicendosi disposto a fare un passo indietro.

"Ho scritto più volte a Zingaretti, spiegando che in caso di sua presenza e coorganizzazione non parlerei proprio", chiarisce. "Stesso dicasi per Virginia Raggi - prosegue - Sarebbe bello avere una iniziativa aperta da Nicola e chiusa da Virginia in quanto autorità locali con testimonianze di medici, sportivi, artisti etc. Io più di così non posso fare".

Calenda è disposto ad andare avanti se l'iniziativa dovesse cadere nel vuoto, per "non indispettire No vax/Ni vax", e si dice convinto che quella sui vaccini sia "una grande ed epocale battaglia culturale". "Le piazze non possano essere lasciate ai no vax", conclude.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала