Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Giorgetti: “La sostenibilità ambientale deve essere compatibile con quella sociale ed economica”

© Sputnik . Pavel Bednyakov / Vai alla galleria fotograficaIl Ministro dello Sviluppo Economico italiano Giancarlo Giorgetti e l’Ambasciatore d’Italia nella Federazione Russa Pasquale Terracciano partecipano al Business Forum Italia-Russia, organizzato dall’Ambasciata e dall’Ufficio ICE di Mosca insieme al Consiglio Imprenditoriale Italo-Russo.
Il Ministro dello Sviluppo Economico italiano Giancarlo Giorgetti e l’Ambasciatore d’Italia nella Federazione Russa Pasquale Terracciano partecipano al Business Forum Italia-Russia, organizzato dall’Ambasciata e dall’Ufficio ICE di Mosca insieme al Consiglio Imprenditoriale Italo-Russo. - Sputnik Italia, 1920, 15.08.2021
Seguici su
Altrimenti si rischiano fratture. E sul Recovery tenere alta l’attenzione per la parte concreta della messa in atto delle misure finanziate.
Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti esprime molte preoccupazioni per la spinta forse troppo accelerata verso una transizione verde che rischia di lasciare indietro troppi lavoratori e di pesare sull’industria.
In particolare, a preoccupare il titolare del Mise, intervistato dal Corriere della Sera, è il piano europeo “Fit for 55” che prevede di ridurre le emissioni del 55% entro il 2030 a livelli precedenti al 1990.
“Rischiamo di mettere una palla al piede all’industria europea, mentre altre grandi economie si fanno meno problemi e corrono”, dice Giorgetti facendo riferimento a Cina, India e altre economie mondiali.
E il sistema di dazi per penalizzare i prodotti che vengono dai Paesi più inquinanti “va a carico dell’importatore. Disegnata così, rischia di essere una misura autolesionista”.
Giorgetti poi sposta l’attenzione sul concetto generale di transizione ambientale per cui si “rischia di spostare una parte eccessiva dei costi sulle piccole e medie imprese e sulle famiglie dei ceti medio-bassi”.
Un passaggio che potrebbe “disgregare” la società e “gettare i semi di una protesta sociale” che poi sfocerebbe “in una crisi politica dagli esiti oggi imprevedibili”.

La ricetta del ministro

Giorgetti, quindi, spiega come tenere insieme la spinta verso un’economia più sostenibile e la crescita.
“La sostenibilità ambientale è decisiva, ma io ho in mente un triangolo fatto da sostenibilità ambientale, economica e sociale. Ogni angolo è un pilastro fondamentale, se ne manca uno viene giù tutto” e “la politica deve fare uno sforzo perché la sostenibilità ambientale sia compatibile con quella economica e sociale. Può e deve esserlo”.

Il Recovery nella pratica

Il ministro dello Sviluppo economico, inoltre, invita a non dare “per scontato di essere pronti, dobbiamo tenere alta l’attenzione” sul fronte del Recovery che entra nella fase pratica dopo l’arrivo del primi stanziamento da Bruxelles.
“L’esecuzione concreta, sul terreno, è tutto. La norma è importante, ma più importante è la persona che la traduce in fatti” e “dobbiamo assicurarci di avere le risorse umane, imprenditoriali, amministrative per una sfida così grande”.

Le crisi aziendali e quella di Alitalia

Il titolare del Mise passa poi a parlare delle tante crisi sul tavolo del suo ministero e di come evitare che le aziende possano abbandonare migliaia di lavoratori senza rendere conto dell’impatto sociale.
“Stiamo studiando gli strumenti, che vadano soprattutto a colpire chi ha usufruito di incentivi pubblici. È un argomento delicato e una normativa deve anche fornire una base che non pregiudichi l’attrazione di investimenti esteri”.
E sulla crisi ormai storica di Alitalia, ormai Ita, Giorgetti dice: “Ci saranno scelte difficili da fare, soprattutto sul fronte occupazionale e sul nuovo contratto del personale assunto da Ita. È una partita gestita per legge dal ministero dell’Economia e dal ministro Daniele Franco”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала