Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid-19, monitoraggio Iss: scende Rt ma aumenta incidenza 73 casi su 100 mila

© Sputnik . Evgeny UtkinCoronavirus, una donna indossa mascherina protettiva in Italia
Coronavirus, una donna indossa mascherina protettiva in Italia - Sputnik Italia, 1920, 13.08.2021
Seguici su
Sono 18 le Regioni a rischio moderato e 3 a rischio basso. Nessuna supera la soglia critica dei ricoveri, con un tasso nazionali pari al 5%.
La bozza del monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di sanità mostra una riduzione dell'indice di contagio Rt che passa da 1,56 a 1,27, mentre continua ad aumentare l'incidenza del Covid, da 68 a 73 casi su 100 mila abitanti.
Nessuna Regione rischia di entrare in zona gialla. Nessuna supera la soglia critica dei ricoveri e il tasso nazionale di occupazione degli ospedali è al 5%.
"L'attuale impatto della malattia Covid-19 sui servizi ospedalieri è limitato, tuttavia i tassi di occupazione e il numero di ricoverati in area medica e terapia intensiva sono in aumento. La trasmissibilità stimata sui soli casi ospedalizzati è sopra la soglia epidemica", riferisce lss.

Ricoveri

Il tasso di occupazione di posti letto aumenta al 4% nelle terapie intensive e al 5% in area medica. Rispettivamente il numero di ricoveri passa da 258 (03/08/2021) a 322 (10/08/2021) e da 2.196 (03/08/2021) a 2.880 (10/08/2021).
Nelle terapie intensive il tasso di occupazione è in leggero aumento al 4%, con un numero di ricoveri che passa da ). In area medica il tasso di occupazione

Il rischio delle regioni

Lazio e le province autonome di Trento e Bolzano risultano classificate a rischio basso. Sono invece 18 le regioni classificate a rischio moderato. N
Nel periodo tra il 6 e il 12 agosto le tre regioni con l'incidenza più alta sono la Sardegna con 141,8, la Toscana con 129,9 e la Sicilia con 127,2.

Variante Delta prevalente

La bozza del monitoraggio conferma che la circolazione della variante Delta è ormai largamente prevalente in Italia.
"Questa variante è dominante nell'Unione Europea ed è associata a un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in altri Paesi con alta copertura vaccinale", riporta il documento.
L'Iss sottolinea quindi che "una più elevata copertura vaccinale e il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità". Inoltre risulta fondamentale "il tracciamento dei casi".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала