Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ragazzo norvegese alla ricerca della fede del nonno trova un anello romano - Foto

metal detector - Sputnik Italia, 1920, 12.08.2021
Seguici su
L'anello d'oro, risalente al tardo periodo romano o al periodo delle migrazioni, dimostra che, a quel tempo, nel Nord Europa vivevano persone ricche e potenti.
Il dodicenne Sander Magnus Vang, di Inderøy, nella contea di Trøndelag, ha trovato un anello di 1500 anni fa, risalente all'epoca romana, mentre cercava, con un metal detector, la fede nuziale di suo nonno andata perduta in quel luogo.
Secondo quanto racconta il ragazzo, il rilevatore si è spento e ha iniziato a suonare quando si è imbattuto nell'anello d'oro.
"Ho sentito un suono molto forte", ha detto all'emittente nazionale NRK.
Il nonno, Tomas Vang, ha detto che non vedeva l'ora di riavere la sua fede nuziale, che aveva perso quest'inverno, ma ha detto di essere contento della "grande scoperta".
"All'inizio non ho reagito molto, perché pensavo che potesse essere un souvenir perso da qualcuno o qualcosa del genere. Ma quando abbiamo iniziato a guardarlo, era molto interessante", ha detto Tomas Vang.
Nonno e nipote hanno subito provveduto a segnalare la scoperta agli archeologi.

"Non riceviamo molte segnalazioni di questo tipo, quindi è un po' una situazione speciale", ha detto a NRK l'archeologa Hanne Haugen della sezione dei beni culturali del comune della contea di Trøndelag.

Secondo l'archeologa, l'anello risale, probabilmente, al tardo periodo romano o al periodo delle migrazioni.
"Sembra che in origine fosse un piccolo anello da dito in oro. E poi ci sono sottili strisce d'oro attorcigliate intorno, che noi interpretiamo come oro di pagamento. Quindi, probabilmente, si tratta semplicemente di moneta per pagare beni e servizi", ha osservato.

"L’anello ci dice che qui vivevano persone che hanno avuto risorse, persone relativamente potenti o ricche. C'è molto oro in questo anello. Qui abbiamo un grande valore che qualcuno ha perso, nascosto o sacrificato 1.500 anni fa" ha aggiunto.

Dopo essere stato sottoposto ai raggi X e pulito, l'anello sarà collocato nel Museo della Scienza dell'Università NTNU.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала