Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il Sud Italia brucia ancora, 3 le vittime

© FBU "Avialesookhrana" / Vai alla galleria fotograficaIncendio boschivo
Incendio boschivo - Sputnik Italia, 1920, 12.08.2021
Seguici su
Bruciano tutte le Regioni del Sud Italia, nessuna esclusa. Incendi sono segnalati anche in Basilicata e in Puglia, oltre che nelle Regioni che hanno chiesto lo stato di emergenza.
Sardegna, Sicilia, Calabria e Campania: gravi incendi al Meridione che, mai come questa volta, hanno toccato i paesi e anche i quartieri delle città. Non bruciano più le montagne, brucia il Sud Italia.
E ci sono anche tre morti da inserire nel bollettino, due in Calabria e uno in Sicilia, a cui si aggiungono i due decessi di alcuni giorni fa, ancora in Calabria, sull’Aspromonte, di un uomo e di sua zia, morti nel tentativo di salvare l’abitazione dalle fiamme.
Inoltre, un giovane agricoltore di 30 anni è morto schiacciato dal suo trattore mentre trasportava una cisterna piena d’acqua, nel tentativo disperato di spegnere l’incendio divampato nell’area di Ponte Barca a Catania.

Cosa sta causando questi incendi?

Tra le principali cause di incendio c'è sicuramente la matrice dolosa, ma anche il caldo intenso e la scarsa manutenzione delle distese boschive italiane e lo scarsissimo controllo dei parchi naturali da parte delle forze di tutela del patrimonio boschivo.
Il comandante del Nucleo informativo antincendio boschivo dell’Arma dei Carabinieri, il colonnello Marco di Fonzo, ha riferito all’Ansa che, in alcuni casi, sono stati segnalati alcuni giovanissimi che appiccavano incendi per il semplice gusto di vedere intervenire la macchina dei soccorsi.
Vi sono poi i piromani, i vandali e anche i fuochi appiccati per ripulire il fondo boschivo, ma che sfuggono di mano agli agricoltori.

Piromani assassini ambientali

“I piromani sono assassini ambientali. Ma le istituzioni possono e devono fare di più per fermare il fuoco, anche attraverso una coscienza collettiva più attenta e diffusa”, lo hanno affermato i vescovi cattolici della Calabria.
E proprio in Calabria, il santuario mariano di Polsi (Reggi Calabria) ieri è stato circondato dalle fiamme e isolato. Drammatico l’appello del superiore della comunità religiosa, che attraverso i social aveva inviato un video messaggio chiedendo se “per favore” qualcuno potesse soccorrerli.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала