Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Germania: infermiera no-vax sospettata di aver sostituito dosi di vaccino con soluzione salina

© Sputnik . Serkan DemirtaşUna siringa con il vaccino anti-Covid
Una siringa con il vaccino anti-Covid  - Sputnik Italia, 1920, 12.08.2021
Seguici su
L'agente di polizia di Wilhelmshaven Peter Beer ha spiegato durante una conferenza stampa all'inizio di questa settimana che, sulla base delle dichiarazioni dei testimoni, c'è "un ragionevole sospetto di pericolo" per coloro che hanno ricevuto il vaccino in un centro in Frisia, Germania, all'inizio di quest'anno.
L'Ufficio sanitario statale della Bassa Sassonia e le autorità locali chiedono la ri-vaccinazione di migliaia di individui che pensavano di aver ricevuto il vaccino COVID-19 presso il Centro di immunizzazione di Roffhausen nel nord-ovest della Germania tra il 20 aprile e il 3 maggio.
"Oggi ho avuto il triste dovere di informare circa 8.600 persone potenzialmente colpite che non è possibile escludere che ci siano anche persone tra di loro che potrebbero aver ricevuto la soluzione salina... invece della loro vaccinazione alla loro data di somministrazione", ha scritto il consigliere distrettuale della Frisia Sven Ambrosy su Facebook.
Le autorità hanno fornito dettagli sul fatto che un dipendente del centro di immunizzazione ha riconosciuto che qualcosa non andava quando hanno visto un'infermiera riempire sei siringhe. Al momento, la sospettata ha affermato che stava tentando di correggere un incidente con una fiala.
Secondo l'investigatore Beer, le autorità "hanno trovato un post su Facebook scritto dall'imputata, nel quale ha espresso ampiamente" le sue opinioni contro i vaccini.
Claudia Shroeder, membro del team di intervento di crisi, ha spiegato che non c'è "alcun pericolo" associato a vaccinazioni ripetute, quindi stanno incoraggiando coloro che sono stati contattati a "vaccinarsi di nuovo solo per essere sicuri".
Vaccinazione - Sputnik Italia, 1920, 10.08.2021
Veneto: reintegrati al lavoro i medici no-vax 'pentiti'
Anche Matthias Pulz, presidente dell'Ufficio sanitario statale della Bassa Sassonia, ha rilasciato una dichiarazione simile, sostenendo che questo "è l'unico modo per garantire una protezione completa della vaccinazione, anche se le persone sono già state vaccinate correttamente due volte".
La questione è stata esaminata dall'unità della polizia tedesca per crimini con motivazioni politiche.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала