Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caso Gregoretti, il gup dice che la condotta di Salvini non è penalmente rilevante

© AP Photo / Antonio CalanniMatteo Salvini
Matteo Salvini - Sputnik Italia, 1920, 12.08.2021
Seguici su
La prima è andata, Salvini soddisfatto delle motivazioni della sentenza che lo prosciolgono da ogni accusa avanzata dal Tribunale dei ministri di Catania.
Non luogo a procedere per Matteo Salvini, nel caso ormai noto come “Caso Gregoretti”, che vedeva l’ex ministro dell’Interno accusato a Catania di sequestro di persona. Lo ha deciso il gup di Catania, Nunzio Sarpietro, con una motivazione scritta che trova nell’ipotesi avanzata dal Tribunale per i reati ministeriali di Catania, elementi “contraddittori” e “soprattutto inidonei a sostenere l’accusa in un giudizio dibattimentale”.
Chi accusava il segretario della Lega, riteneva che il ritardo dell’attracco della nave con a bordo 131 migranti fosse da considerare sequestro di persona.
Ma per il gup, “gli elementi acquisiti si pongono in termini di assoluta chiarezza e completezza in merito alla insussistenza del delitto ipotizzato a carico dell'imputato, e le fonti di prova non si prestano a soluzioni alternative, non apparendo interpretabili in maniera diversa”, come riporta l’Adnkronos.

L’esultanza di Salvini

Un ampio post su Facebook di Salvini, ne esplicita tutta la soddisfazione e anche il sollievo personale per la fine di una delle due vicende che lo vedono imputato per sequestro di persone.
“La formula 'il fatto non sussiste' è stata adottata perché l’imputato ha agito non 'contra ius' bensì in aderenza alle previsioni normative primarie e secondarie dettate nel caso di specie. Allo stesso non può essere addebitata alcuna condotta finalizzata a sequestrare i migranti per un lasso di tempo giuridicamente apprezzabile”, si legge nel post del capo della Lega.
“Lo scrive il Gup di Catania nelle motivazioni della decisione di non luogo a procedere nei miei confronti. Dopo tanti insulti, invenzioni, intercettazioni ‘alla Palamara’ e attacchi politici di ogni genere, vedere riconosciuta, nero su bianco, la correttezza del mio operato alla guida del Viminale è fonte di grande soddisfazione”, prosegue Matteo Salvini commentando la sentenza sul caso Gregoretti.
“Purtroppo a settembre, per un caso analogo (riguardante la Ong spagnola ‘Open Arms’), sarò a processo a Palermo accusato di ‘sequestro di persona’, fino a 15 anni di carcere la pena prevista: spero che sarete al mio fianco, credo di avere dimostrato concretamente da Ministro dell'Interno che cosa si possa ottenere nella gestione dell'immigrazione clandestina, a difesa dell'ITALIA”, conclude il politico.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала