Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Altri 40 sanitari no-vax dell’Ulss 3 Veneto sospesi dal servizio senza stipendio

© Filippo AttiliInfermiera prepara un vaccino
Infermiera prepara un vaccino - Sputnik Italia, 1920, 12.08.2021
Seguici su
Ormai è guerra aperta tra operatori sanitari no-vax e aziende sanitarie locali. Il braccio di ferro prosegue e i sanitari non paiono essere intimoriti dall’idea di restare senza lo stipendio.
Solo l’ultima di una valanga di notizie che ci raccontano di operatori sanitari sospesi, giunge dal Veneto, dove l'Ulss 3 Serenissima sta definendo in queste ore la sospensione di 40 sanitari.

Qui già 30 sono stati sollevati dal servizio nei giorni precedenti. In maggioranza sono infermieri che hanno rifiutato senza motivazioni plausibili di sottoporsi alla vaccinazione obbligatoria contro il Covid-19.

Il direttore generale dell'azienda sanitaria, Edgardo Contato, non esclude che tra i "no vax" più convinti ci possano essere addirittura medici di base, rimasti fermi nelle proprie convinzioni nonostante i diversi richiami inviati nelle scorse settimane.
“Il nostro obiettivo è quello di non creare disagi all'utenza, che nel caso sarà avvisata della necessità di scegliere un nuovo dottore”, ha detto il direttore generale. Ma in Veneto i medici di base già scarseggiano come in molte altre parti d’Italia.
Infatti il referente di Ulss 3 per i medici di medicina generale, Stefano Vianello, citato dall'Ansa, ha ricordato che “già in passato avevamo concordato un aumento del massimale dei medici nel territorio, per la carenza di professionisti. Questa decisione ora tornerà utile per coprire eventuali situazioni di disagio che dovessero crearsi”, è la speranza.

In Sardegna al lavoro in ospedale anche se sospesi

In Sardegna forse il caso più eclatante. In un ospedale di Cagliari, una operatrice sospesa dal lavoro perché aveva rifiutato di sottoporsi al vaccino si è presentata in reparto comunque.
Il superiore le ha intimato di lasciare l’ospedale ma lei non ne ha voluto sapere. A quel punto l’ospedale ha chiamato i carabinieri e così l’operatrice no-vax si è ritirata a casa senza stipendio.
La legge prevede che i sospesi resteranno senza stipendio fino al 31 dicembre di quest’anno.
Una siringa con il vaccino anti-Covid  - Sputnik Italia, 1920, 12.08.2021
Germania: infermiera no-vax sospettata di aver sostituito dosi di vaccino con soluzione salina
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала