Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ius soli, è il momento d’introdurlo dice Lamorgese e Letta chiede legge su cittadinanza

© AFP 2021 / Filippo MonteforteEnrico Letta, segretario del Partito Democratico
Enrico Letta, segretario del Partito Democratico - Sputnik Italia, 1920, 10.08.2021
Seguici su
Bisogna far sentire i figli di stranieri nati in Italia, che vivono in Italia e che parlano non solo l’italiano, ma anche i dialetti regionali, parte della comunità nazionale. E bisogna farlo non solo quando vincono una medaglia alle Olimpiadi.
Questo, in sintesi, il pensiero del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, ma il leghista Matteo Salvini è subito intervenuto affermando che il ministro “vaneggia”.

Queste le parole di Lamorgese:

“Dobbiamo ricordarci non solo quando gli atleti vincono le medaglie. La politica dovrà fare i suoi riscontri e spero si arrivi a una sintesi politica: dobbiamo aiutare le seconde generazioni a farle sentire parte integrante della società”.
Non si è fatto attendere il rinforzo di Enrico Letta, a supporto della Lamorgese, che ha sostenuto l’iniziativa, affermando che:

“Dopo le Olimpiadi, la consapevolezza credo sia divenuta più generale. Per questo rivolgo un appello a tutte le forze politiche ad aprire una discussione in Parlamento e a trovare una soluzione sullo ius soli”, come riportato da Fanpage.

Lo spunto deriva dalle parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, il quale, ad Olimpiadi ancora in corso, ha rilanciato il tema dello ius soli sportivo, che attiene alle sue competenze di alto responsabile dello sport italiano. La richiesta è quella di riconoscere come sportivi italiani i giovani nati in Italia da genitori stranieri, stabilmente residenti in Italia.

Come funziona ora

Al momento, un individuo nato su suolo italiano da genitori stranieri che non hanno la cittadinanza italiana, ma che risiedono stabilmente in Italia, può chiedere di ottenere la cittadinanza italiana a partire dal 18 esimo anno di età.
Anche se frequenta le scuole materne, primarie o superiori in Italia e riceve un diploma di maturità in Italia, resta comunque un cittadino straniero residente in Italia, come i suoi genitori.
Lo ius soli intende cambiare questo meccanismo e consentire a chi nasce in Italia da genitori stranieri, residenti in Italia, di acquisire la cittadinanza italiana.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала