Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il fumo abbassa il livello di anticorpi dopo la vaccinazione contro il coronavirus

CC0 / Pixabay / Un uomo fuma
Un uomo fuma - Sputnik Italia, 1920, 10.08.2021
Seguici su
Alcuni ricercatori giapponesi hanno trovato un legame tra fumo e livelli di anticorpi nelle persone immunizzate con il vaccino Pfizer.
Alcuni ricercatori giapponesi delle università di Medicina Dokke e Jichi hanno identificato i fattori che influenzano la concentrazione degli anticorpi dopo la vaccinazione, emerge da uno studio pubblicato sul portale medRxiv.
Gli autori del lavoro hanno prelevato il sangue di 378 operatori sanitari (255 donne, 123 uomini) a tre mesi dall'inoculazione della seconda componente del vaccino Pfizer per misurare i livelli di anticorpi contro la SARS-CoV-2. L'analisi ha preso in considerazione i dati sull'anamnesi medica, l'età ed eventuali vizi nocivi per la salute dei soggetti testati.
Nuovo coronavirus SARS-CoV-2 al microscopio - Sputnik Italia, 1920, 09.08.2021
Acque di fogna possono servire per rilevare le varianti di coronavirus
I ricercatori hanno quindi confrontato le analisi dei fumatori con quelle dei volontari che non avevano mai fatto uso di tabacco. Come si è scoperto, la concentrazione di anticorpi nel sangue del primo gruppo, indipendentemente dal sesso, era inferiore alla norma di 140-250 unità. L'età si è rivelata un altro fattore determinante, con livelli di IgG più bassi nei soggetti più anziani.
Secondo gli immunologi, smettere di fumare può migliorare l'efficacia individuale del vaccino: chi non ha il vizio del fumo ha un'immunità cellulare più forte.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала