Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gasparri: dura replica dell'Ambasciata cinese dopo il ‘Cina vergogna del mondo’, ma lui rilancia

© Andrew MedichiniMaurizio Gasparri
Maurizio Gasparri - Sputnik Italia, 1920, 10.08.2021
Seguici su
In un post sulle Olimpiadi, il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, aveva scritto su Twitter parole sprezzanti e cariche di odio nei confronti della Cina:
“Bene che nel medagliere delle Olimpiadi gli Usa superino la Cina che diffonde virus e inquina il pianeta. La Cina è la vergogna del mondo. Un dovere disprezzare la Cina”.
Al tweet del senatore ha risposto il giorno successivo, sulla stessa piattaforma, l’Ambasciata della Repubblica popolare cinese in Italia:
L’ambasciata cinese ha anche aggiunto che:

“Questo atto ingiurioso merita solo disprezzo. Siamo invece fortemente convinti che i rapporti sino-italiani, l'amicizia e la cooperazione tra i due popoli si svilupperanno costantemente, inalterati dal virus dell'odio politico”.

La controreplica al vetriolo di Gasparri

Ma il senatore Gasparri non è rimasto in silenzio e un’ora fa ha postato un video in cui rincara la dose:
“I cinesi si sono offesi per qualche mia battuta sulla rete”, ha detto Gasparri, quasi a voler ironizzare sulle sue stesse parole. “Io ribadisco – ha proseguito il senatore – che la Cina è una vergogna, perché nega ogni tipo di diritto. Sfido le autorità diplomatiche cinesi ad un pubblico dibattito con me sulle tesi di Biden. Quel Biden che si riteneva più amico della Cina del ‘pessimo e cattivo’ Trump.”
“È vero o no – ha domandato Gasparri – che in Cina non c’è la democrazia? Quando si è votato l’ultima volta in Cina? Quali sono i sindacati liberi di operare in Cina? Quali sono le libertà concesse al popolo e ai lavoratori?”.
E sul tema commerciale ha detto se c’è o meno concorrenza sleale ai prodotti occidentali “grazie al fatto che la Cina si sottrae a tutti i protocolli ambientali internazionali”.
Ma Gasparri è un fiume in piena, tanto che include nella questione anche Greta Thunberg, criticandone il silenzio:
“Greta tace sulla Cina. Che è quella che emette più di tutti nel mondo Co2. Èquella che riversa più plastica nel mare, che reprime le minoranze interne degli Uiguri, che continua a minacciare Hong Kong…”
Al momento, al video del senatore Gasparri non è ancora pervenuta risposta da parte delle autorità cinesi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала