Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Spid europeo, l’Unione europea verso l’identità unica digitale per cittadini

© Sputnik . Aleksey VitvitskyBandiera UE
Bandiera UE - Sputnik Italia, 1920, 09.08.2021
Seguici su
L’obiettivo dell’Unione Europea è quello di avere un ruolo fondamentale nell'evoluzione dei 27 stati membri e, per quanto riguarda l’identità digitale UE, sta valutando la possibilità di introdurre una sorta di Spid europeo.
Si tratta di un'applicazione scaricabile sullo smartphone, attraverso la quale il cittadino europeo potrà gestire l’accesso ai servizi delle pubbliche amministrazioni all'interno della nazione europea nella quale risiede, ma anche di altri Stati membri.
Un servizio nel pieno rispetto della riservatezza dei dati, infatti sarà il cittadino o la cittadina dell’Unione Europea a decidere quali dati condividere con la pubblica amministrazione con cui intende mettersi in contatto digitalmente.

A cosa servirà lo Spid europeo?

L’iniziativa dell’Unione Europea ricalca ciò che in Italia già esiste da qualche anno, ovvero la possibilità di accedere online ad alcuni servizi essenziali delle pubbliche amministrazioni, tra cui il cassetto fiscale e previdenziale o il cassetto dell’impresa per i possessori di partita iva.
L’UE vuole estendere i vantaggi dei servizi pubblici digitali a tutti i territori dei 27 Stati per offrire a tutti un accesso semplificato ai servizi pubblici.
Un obiettivo che rientra pienamente nel piano Next Generation EU.

Come funziona lo spid europeo?

Per gli italiani che già possiedono lo spid non cambierà nulla, essendo questo servizio già ben implementato e in continua espansione: vedasi la più recente app IO.
Nella versione europea del servizio, però, si avrà accesso "all’European Identity Digital Wallet”, cioè il portafoglio digitale della propria identità, nel quale saranno conservati i nostri dati personali da condividere con le pubbliche amministrazioni.
Nel portafoglio digitale europeo potremo includere anche una versione digitale, ma con valore fiscale, della patente di guida, della carta di identità e del codice fiscale.
Il portafoglio digitale conterrà anche i servizi spid nazionali e permetterà anche l’aggiunta degli strumenti di pagamento per saldare le bollette o altri tipi di prestazioni private, come già avviene attraverso l'app IO.

Capitolo sicurezza informatica

Particolare attenzione sarà rivolta anche alla sicurezza informatica, con lo sviluppo di un sistema a prova di intrusione, per prevenire l'esposizione dei dati personali dei cittadini dell'Unione.

Quando sarà attivato?

La Commissione Europea intende coinvolgere nel progetto anche il Parlamento europeo, al fine di giungere entro il 2022 ad una direttiva europea, che in seguito andrà recepita dai singoli paesi membro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала