Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green pass, ecco per chi non è obbligatorio il certificato verde

© AP Photo / Andy WongПосетители рядом со статуей ангела в торговом центре Пекина
Посетители рядом со статуей ангела в торговом центре Пекина - Sputnik Italia, 1920, 09.08.2021
Seguici su
Dai bambini ai volontari di ReiThera: ecco chi non sarà obbligato a mostrare il green pass.
I bambini fino a 12 anni, i volontari che si sono sottoposti al vaccino ReiThera ed una serie di soggetti ai quali, per motivi di salute, la vaccinazione anti-Covid è sconsigliata. Sono queste le categorie esentate dal vaccino, che saranno, di conseguenza, svincolate anche dall’obbligo di mostrare la certificazione verde per accedere all’interno di bar, ristoranti, palestre, piscine, musei, fiere, congressi, centri termali ed eventi e manifestazioni sportive.
Tra gli esclusi, come si legge sul portale governativo da cui si può scaricare il green pass, ci sono innanzitutto i bambini di età inferiore ai 12 anni, che non rientrano nella campagna vaccinale poiché non è stato ancora autorizzato un prodotto adatto ad immunizzare i soggetti che rientrano in questa fascia d’età.
Si può essere esentati dall’obbligo di mostrare il green pass anche se si è in possesso di una certificazione medica cartacea, fino al 30 settembre del 2021, in cui si attesti che per motivi di salute non è possibile sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid.
Le condizioni per l'esenzione sono state definite in una circolare del ministero della Salute, firmata dal direttore generale della prevenzione sanitaria, Giovanni Rezza, e diffusa lo scorso 4 agosto.
Secondo il documento, il vaccino è sconsigliato qualora il ricevente fosse a “rischio di gravi reazioni avverse” o qualora venga compromessa "la capacità del vaccino di indurre un’adeguata risposta immunitaria”.
Green Pass - Sputnik Italia, 1920, 04.08.2021
Quegli italiani vaccinati senza green pass, Tiramani (Lega): "Così Speranza ci ha beffati"
Questo tipo di valutazione dei rapporti tra rischi e benefici, chiarisce la circolare, “deve essere riferita allo specifico tipo di vaccino che si intende somministrare”, per poter eventualmente valutare la somministrazione di un altro dei vaccini anti-Covid attualmente in commercio.

Tra le principali controindicazioni e precauzioni da tenere in conto ci sono innanzitutto l’ipersensibilità al principio attivo dei diversi vaccini, il rischio di sindrome trombotica associata a trombocitopenia o l'eventuale sindrome da perdita capillare, insorta in alcuni soggetti vaccinati con AstraZeneca o Johnson&Johnson.

Possono essere esentate temporaneamente, su parere del ginecologo, anche le donne in gravidanza. Nel documento, però, si sottolinea che “l’allattamento non è una controindicazione alla vaccinazione anti-SARS-CoV-2”. Tra le controindicazioni ci sono anche il rischio di sviluppare la sindrome di Guillain-Barré o predisposizione a miocardite e pericardite.
Sono esentati dalla vaccinazione, in base ad un'altra circolare ministeriale, diramata lo scorso 5 agosto, anche i soggetti, circa mille in tutta Italia, che hanno partecipato alla sperimentazione del vaccino della biotech italiana ReiThera. Si tratterà di una certificazione rilasciata dal medico del centro di sperimentazione che sarà valida fino al 30 settembre 2021.
Il vaccino russo contro COVID-19 Sputnik V - Sputnik Italia, 1920, 25.07.2021
Vaccinati volontari del Reithera non possono ricevere il green pass: la beffa
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала