Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tamponi in farmacia a prezzo calmierato, l'incognita delle adesioni: Federfarma auspica il 50%

© Foto : CRITampone Covid
Tampone Covid - Sputnik Italia, 1920, 08.08.2021
Seguici su
Il protocollo d'intesa siglato con la struttura commissariale e il ministero della Salute, stabilisce a 8 euro il prezzo dei test rapidi per i minori e a 15 euro per chi ha più di 18 anni. Si teme adesso per l'adesione delle farmacie, molte delle quali attendono ancora i ristori per i prezzi calmierati delle mascherine.
Chi non ha il green pass e ha bisogno di un test antigenico a prezzo calmierato, dovrà dotarsi di una mappa della città e cercare le farmacie che hanno aderito alla convenzione siglata il 6 agosto dalle associazioni dei farmacisti con il governo e la struttura commissariale. Federfarma prevede infatti un'adesione di poco più della metà dei suoi associati.
"Su oltre 19mila farmacie auspico che si arrivi al 50-60 per cento delle adesioni", ha dichiarato il segretario nazionale di Federfarma, Federico Tobia, secondo quanto riportato da Il Messaggero.

Gli accordi regionali

L'incognita dell'adesione dipende da diversi fattori. Prima di tutto la competenza delle regioni sulla materia e una serie di accordi regionali , che fa "che il nostro Paese sia diviso di fatto in 21 piccole repubbliche che autonomamente hanno regole diverse in ambito sanitario", indica Tobia.
"Uno dei problemi fondamentali con cui dobbiamo fare sempre i conti", aggiunge, non dimenticando di sottolineare come i farmacisti "hanno finora dimostrato ampiamente il valore sia della figura professionale che delle strutture presenti sul territorio in maniera capillare" durante i momenti più bui della pandemia di COVID-19.
"Ci siamo messi al servizio del Pese in momenti di grande emergenza, e lo faremo ancora", afferma.

I mancati ristori per le mascherine

La refrattarietà dei farmacisti potrebbe derivare anche dai mancati ristori sul prezzo calmierato delle mascherine, spiega Marco Meconi, vice presidente Federfarma Marche
"Risale al 25 aprile del 2020. È chiaro che qualcuno ormai si lamenti se dopo un anno non ha ancora ricevuto ristori", afferma.
Tuttavia la nuova gestione commissariale sembra tranquillizzare tutti. "Abbiamo più fiducia, sui tamponi siamo sicuri che questi soldi ci verranno restituiti", prosegue Meconi, assicurando un'adesione al 60-70% delle farmacie marchigiane.
La convenzione sottoscritta venerdì 6 agosto dai presidenti di Federfarma, Assofarma e Farmacie Unite con il commissario Francesco Figliuolo e il ministro della Salute, Roberto Speranza, prevede una remunerazione complessiva per le farmacie di 15 euro.
Per i minori di 18 anni il prezzo del tampone rapido sarà di 8 euro, i restanti 7 euro spetteranno allo Stato. Per i maggiorenni, invece, il prezzo del test antigenico sarà pieno a 15 euro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала