Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sul green pass la Lega di Salvini si spacca, 20 sono pronti a votare contro in Parlamento

© Sputnik . Evgeny UtkinManifestazione No Green Pass, Milano 31.07
Manifestazione No Green Pass, Milano 31.07 - Sputnik Italia, 1920, 07.08.2021
Seguici su
Dopo la pausa estiva al leader del Carroccio spetterà il duro compito di tenere unito il partito, dove una frangia si è apertamente schierata contro la certificazione e ha presentato 900 emendamenti.
Le voci fuori dal coro nella Lega sulla questione green pass non sono più un fatto isolato. Dopo che nel Consiglio dei ministri di giovedì scorso le richieste presentate dal ministro leghista Massimo Garavaglia sono state praticamente spazzate via, eccetto il no al green pass per i servizi di ristorazione interni agli alberghi, la fronda contraria alla misura cresce e sarebbero 20 i parlamentari pronti a votare contro quando il nuovo decreto approderà in Aula.
Una bella matassa da dirimere per il leader Matteo Salvini che subito dopo l’ok unanime del Cdm aveva gridato alla vittoria con lo slogan “abbiamo salvato le vacanze!”.

I contrari e i 900 emendamenti

Sulla presunta vittoria leghista sul green pass, il leghista Armando Siri, non si lascia convincere: è “un modo subdolo per costringere tutti a vaccinarsi con il ricatto di non poter più neppure andare a scuola”.
Siri promette battaglia in Parlamento e anche un voto contrario se la misura non sarà modificata. Per Claudio Borghi, leghista sceso in piazza contro il green pass, la Lega è stata ignorata in Cdm: “Banalmente ci hanno detto di no” e “ora attendiamo che il decreto arrivi in Parlamento, a settembre. La Lega ha preparato 900 emendamenti”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала