Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green Pass "strumento di controllo sociale": il sindacato CUB non ci sta

© Sputnik . Evgeny UtkinManifestazione No Green Pass, Milano 31.07
Manifestazione No Green Pass, Milano 31.07 - Sputnik Italia, 1920, 07.08.2021
Seguici su
Il sindacato Cub Pubblico Impiego commenta la decisione di porre dal primo settembre l'obbligo di Green Pass al personale scolastico.
Una "contraddizione" che obbligherà i lavoratori a vaccinarsi o a sottoporsi a tamponi per poter continuare a ricevere lo stipendio. Questa l'opinione espressa dal segretario nazionale di Cub Pubblico Impiego sull'obbligo del Green Pass ai docenti, come riferisce Ansa.
La sindacalista Maria Teresa Turetta afferma di fatto che la decisione presa per i docenti dal 1° settembre segue il caso di aprile con i sanitari, i quali sono stati posti davanti al "ricatto" della vaccinazione per continuare a prendere lo stipendio.
"L'obbligo del green pass ai lavoratori della scuola e dell'università è anche peggio, perché chi non potrà o non vorrà vaccinarsi dovrà acquistare a sue spese il tampone e farselo fare ogni due giorni per avere il lasciapassare verde per poter andare a lavorare, altrimenti resterà a casa senza stipendio" ha dichiarato Turetta.

Deriva autoritaria che colpisce le masse popolari

Il segretario nazionale Turetta parla di "deriva autoritaria" del governo che, con la scusa della pandemia, sta colpendo le masse popolari ed i lavoratori senza risolvere il problema del contagio.
"Il green pass è uno strumento di controllo sociale e i dipendenti pubblici sono le vittime sacrificali del Governo Draghi. Un Governo che colpisce i lavoratori pubblici, molti dei quali sono già stati contagiati nei luoghi di lavoro, per nascondere la gestione schizofrenica della pandemia" ha aggiunto Turetta.
Patrizio Bianchi, ministro dell'Istruzione  - Sputnik Italia, 1920, 07.08.2021
Green Pass a scuola, Bianchi: "Nessuno schiaffo ai docenti. Accelerazione dei vaccini per i giovani"
Quest'ultima ha poi dichiarato che, per far fronte alla pandemia, sarebbe stato meglio investire nella sanità pubblica, con l'assunzione massiccia di medici e operatori sanitari, l'abolizione delle classi pollaio nelle scuole con adeguata assunzione di personale docente e Ata, investimenti sui trasporti pubblici locali per evitare il sovraffollamento.

Unire lavoratori pubblici e privati per manifestare nelle piazze

"Il Governo Draghi va contrastato nelle piazze organizzando i lavoratori del pubblico impiego unitamente ai lavoratori delle fabbriche e del lavoro privato: nessuno deve rimanere senza stipendio, nessuno deve perdere il posto di lavoro per la mancanza di green pass!" ha concluso la sindacalista.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала