Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Di Maio avverte: chi minaccia governo affossa ripresa del Paese

© AP Photo / Pool / Yiannis KourtoglouLuigi Di Maio ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale
Luigi Di Maio ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale - Sputnik Italia, 1920, 04.08.2021
Seguici su
Il momento politico per l’Italia può essere delicato, perché è iniziato quello che viene definito “semestre bianco”, cioè gli ultimi 6 mesi di mandato del presidente della Repubblica in cui non si possono sciogliere le camere, qualsiasi cosa accada.
E qualcuno potrebbe farsi tentare dalla situazione per togliersi i sassolini dalle scarpe e affossare il governo Draghi, sicuro che non si profilerebbero le elezioni politiche nel breve termine.
In una recente intervista il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, parla da leader dei pentastellati in attesa che nei prossimi due o tre giorni la base elettorale formalizzi Giuseppe Conte come nuovo capo politico.

“Chi pensa a elezioni anticipate con 200 miliardi da spendere non è concentrato sui bisogni dei cittadini”, dice Di Maio al quotidiano La Repubblica.

Ad ogni modo, “non vedo nessun rischio per l’esecutivo. E le assicuro che nel Movimento facciamo tutti parte della stessa comunità”, precisa per fugare ogni ombra e ogni dubbio sul suo partito in fase di rifondazione.
“La pandemia ha cambiato tutto e se la politica non si adegua si aprirà un vuoto. Le persone chiedono stabilità, prospettiva, concretezza. La sfida del Piano nazionale di ripresa e resilienza è l’ultima occasione che abbiamo per allinearci ai competitor europei. Se blocchiamo tutto in Europa diranno: ecco, sempre i soliti”, argomenta Di Maio contro chi la tentazione di affossare tutto ce l’ha.
I ‘piromani nella politica italiana’, gli incendiari sempre pronti a mettere in subbuglio e in discussione tutto, e che ha portato l’Italia ad avere nella sua storia repubblicana oltre 60 governi in sole 18 Legislature.

Il grillino moderato

“Spesso mi dicono che sono eccessivamente moderato, ma penso che litigare non porti da nessuna parte e per questo faccio un appello alla compattezza: non facciamoci distrarre”, confida Di Maio.
Ma è il momento delle grandi decisioni e tutto il mondo le sta prendendo, “sui temi dell’ambiente, della sostenibilità: dobbiamo diventare un punto di riferimento intelligente e ragionevole su questo”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала