Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La scienza svela il mistero del guerriero medioevale finlandese sepolto in abiti femminili

© Fotolia / KrugloffScavi archeologici
Scavi archeologici - Sputnik Italia, 1920, 03.08.2021
Seguici su
Dopo oltre mezzo secolo dal ritrovamento in Finlandia, gli scienziati pare siano finalmente riusciti a svelare il mistero del guerriero medioevale sepolto con abiti e ornamenti femminili.
Il corpo, che risale tra il 1050 d.C. e il 1300 d.C., era stato rinvenuto in Finlandia nel 1968 e da allora la sua sepoltura e il suo corredo funebre era sempre rimasto un mistero. Indossava abiti femminili tipici del Medioevo ed era stato sepolto su di una coperta di piume con "pellicce, gingilli e spille di valore", secondo quanto riferito dai ricercatori. Nel luogo di sepoltura erano state rinvenute anche preziose pellicce, oltre a due spade. Un corredo funebre che faceva presupporre ad un alto rango sociale ma che lasciava anche perplessi i ricercatori avendo elementi sia femminili che femminili.
Secondo il Daily Mail, la tomba, trovata più di cinquanta anni fa a Suontaka Vesitorninmaki, Hattula, Finlandia centro-meridionale, durante scavi per tubature dell'acqua, era originariamente ritenuta la sepoltura di una donna di alto rango ma le due spade facevano pensare potesse trattarsi anche di una "doppia sepoltura di un uomo e una donna", dove tuttavia i resti dell’uomo erano poi stati rimossi, trafugati o andati perduti.
Un nuovo recente studio degli archeologi dell'Università di Turku suggerisce piuttosto un’interpretazione del tutto differente. L’esame dei resti sembra dimostrare che potrebbe molto probabilmente essersi trattato di un caso di soggetto affetta dalla condizione genetica nota come sindrome di Klinefelter.
Cioè quella sindrome genetica in cui un individuo di sesso maschile nasce con un doppio cromosoma X. Normalmente le donne possiedono due cromosomi sessuali XX e gli uomini uno X e uno Y, ma gli individui affetti dalla sindrome di Klinefelter hanno un cromosoma Y ma anche due X.
In questi casi, il soggetto, pur essendo geneticamente maschio, può mostrare, anche se non necessariamente, aspetti tipici del sesso femminile.
"Secondo i dati attuali, è probabile che l'individuo trovato a Suontaka avesse i cromosomi XXY, sebbene i risultati del DNA si basino su un insieme di dati molto piccolo", ha affermato Elina Salmela, ricercatrice post-dottorato dell'Università di Helsinki.
"Se le caratteristiche della sindrome di Klinefelter fossero state evidenti sulla persona, potrebbe non essere stato considerata strettamente né una femmina né un maschio dalla comunità dell'Alto Medioevo", ha detto Ulla Moilanen dell'Università di Turku che per altro ha osservato che "L'abbondante collezione di oggetti sepolti nella tomba è una prova che la persona non solo fosse comunque stata accettata, ma che fosse invece anche stimata e rispettata”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала