Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Causa degli incendi in Turchia: sabotaggio o cambiamenti climatici?

© REUTERS / Kaan SoyturkDevastanti incendi in Turchia
Devastanti incendi in Turchia - Sputnik Italia, 1920, 03.08.2021
Seguici su
I forestali turchi, nel tentativo di domare gli incendi boschivi nel loro Paese, sono riusciti a localizzare 70 degli 81 focolai. Questi dati aggiornati sono stati riferiti la settimana scorsa da Bekir Pakdemirli, ministro dell’Agricoltura e delle Politiche forestali.
Stando ai dati governativi, sono stati impiegati oltre 1.100 mezzi per domare gli incendi. Tra i mezzi figurano anche 3 aerei anfibi russi Be-200.
Si ritiene che una delle cause principali degli incendi boschivi siano le elevate temperature registrate nella regione e i forti venti che contribuiscono alla diffusione dell’incendio. Tuttavia, le autorità non escludono la possibilità che si tratti di incendi dolosi applicati da Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), messo al bando in Turchia.
Il docente universitario Kubilay Kaptan, esperto di calamità naturali, ha dichiarato che circa il 90% di tutti gli incendi nel mondo sono di origine antropica: “Sia in Turchia sia a livello mondiale circa il 90% degli incendi è causato dall’uomo. Ad esempio, da amanti dei picnic che lasciano mozziconi delle sigarette in giro. Una parte del restante 10% accade per via di fenomeni naturali come i fulmini, mentre l’ultima parte è composta da incendi dolosi o causati a fini terroristici. In Turchia registriamo casi di incendi di tutte queste tipologie. Ci stupiamo di eventuali attacchi terroristici nel sud-ovest del Paese? No. Dietro a tali attacchi potrebbe esserci il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (messo al bando in Turchia, NdR). Non stupitevi. A nostro avviso l’incendio è di natura dolosa”.
L’esperto sostiene che a livello mondiale si registra una tendenza all’aumento del numero di incendi, legata sia ai cambiamenti climatici sia all’urbanizzazione di zone boschive. “Se osserviamo le statistiche sul tema che ci forniscono un arco temporale di 60 anni si prevedono il momento e il luogo di un incendio. Dovremmo prendere misure preventive per contrastare il fenomeno. Gli incendi che si verificano in punti diversi e imprevedibili rappresentano un fenomeno naturale, non peculiare della sola Turchia. Negli ultimi 15 anni in Turchia e nel mondo cresce il numero di incendi e crescerà ancora. Le ragioni sono due. Una è il cambiamento climatico che non è legato all’aumentare delle temperature, ma ai cambiamenti in generale. L’altra ragione, invece, è purtroppo legata all’urbanizzazione delle aree boschive”.
A sua volta Mehmet Karaca, ex rettore del Politecnico di Istanbul, ha dichiarato che la catastrofe degli incendi boschivi in Turchia era prevedibile: “In realtà la tragedia si stava avvicinando… Era già un anno che quelle regioni stavano soffrendo per la siccità. Nelle regioni in cui si sono verificati gli incendi era stata lanciata l’allerta siccità da diverse città: Izmir, Aydin, Mugla, Adalia, Mersin. Le condizioni meteorologiche ne davano la conferma. Gli incendi sono la riprova dell’aumento delle calamità naturali legate al clima. Da un punto di vista scientifico è una tendenza prevedibile. Gli incendi boschivi in Australi degli scorsi anni sono durati 240 giorni. In California si registrano incendi che continuano sino ad oggi. Rispetto a quanto accaduto in Turchia, il vento caldo e secco si dirige verso le aree boschive dalla piana di Konya e attraversa la catena montuosa del Tauro (La piana di Konya è considerata uno dei luoghi più secchi del Paese e si trova nell’Anatolia centrale, NdR). Gli incendi boschivi sono facilitati dall’aria calda, dal vento secco e dalla relativa umidità. Le temperature sono aumentate e il vento caldo e secco ha facilitato la formazione di incendi nei boschi turchi”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала