Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Attacco hacker nel Lazio, dati al sicuro si riparte tra 10 giorni

© Foto : Marco Minna © Agenzia NovaNicola Zingaretti
Nicola Zingaretti - Sputnik Italia, 1920, 03.08.2021
Seguici su
Dopo l’attacco hacker alla Regione Lazio ed ai suoi sistemi informatici, si fa la conta dei danni e si può affermare che nessun dato è stato trafugato possono dormire tranquilli i cittadini da questo punto di vista, i loro dati sono al sicuro.
Per quanto riguarda invece il ripristino dei servizi bloccati dall’attacco informatico senza precedenti, ci vorranno ben 10 giorni per ripristinarli.
In particolare resterà bloccato il servizio cup regionale, e cioè l’intero servizio sanitario regionale, tra cui le visite specialistiche negli ambulatori ospedalieri e non solo la registrazione delle prenotazioni per la campagna vaccinale.
Per questo motivo il presidente della Regione Lazio ha etichettato questo attacco informatico come un vero e proprio “attacco terroristico”.

Il peggior attacco informatico verso l’Italia

“Quello che abbiamo subito è forse il cyber attacco peggiore nella storia della nostra Repubblica verso un ente pubblico, ma i dati sono al sicuro, le vaccinazioni andranno avanti e tutto verrà ripristinato quanto prima. Questo è un crimine e va perseguito come tale”, ha detto Zingaretti, come riporta il RomaToday, durante la conferenza stampa straordinaria svoltasi ieri pomeriggio presso la sede della Regione Lazio in via Cristoforo Colombo.
Zingaretti ha anche spiegato il perché il portale delle prenotazioni sanitarie è bloccato.
“Per permettere le verifiche del caso e per evitare che il virus faccia il suo corso all’interno dei sistema regionale”.
Si è trattato, infatti, di un attacco con un virus del tipo ransomware, ovvero un tipo di software malevolo che prende “in ostaggio” le memorie dei computer e che possono essere sbloccate solo dietro pagamento di un riscatto.
Le autorità di polizia intervenute per contrastare e indagare sull’attacco, hanno reso noto che nessun riscatto è stato pagato e non verrà pagato.

Come sono entrati?

Il direttore dei sistemi infrastrutturali LazioCrea che gestisce il sistema informatico della Regione, Vittorio Gallinella, ha spiegato che ricevono circa 2 attacchi informatici al giorno e che questi vengono prontamente respinti ogni volta.
Quello che ha differenziato questo attacco è la disponibilità delle credenziali di accesso di cui gli hacker erano in possesso. Ora saranno gli investigatori a dover capire come sia potuto accadere.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала