Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La russa Lukoil e l'italiana Eni scoprono un giacimento di petrolio nel Golfo del Messico

© AP Photo / Luca BrunoIl quartiere generale dell'ENI a Milano
Il quartiere generale dell'ENI a Milano - Sputnik Italia, 1920, 02.08.2021
Seguici su
Il gigante energetico italiano Eni e quello russo Lukoil, hanno scoperto un nuovo giacimento di petrolio nel blocco 10 nell'offshore del Messico che potrebbe contenere fino a 200 milioni di barili di petrolio secondo stime preliminari, hanno comunicato stamane entrambe le società.
"PJSC LUKOIL annuncia un nuovo ritrovamento petrolifero nell'area di prospezione Sayulita del Blocco 10 al largo del Messico a seguito della perforazione di un pozzo esplorativo. Secondo stime preliminari, le risorse geologiche iniziali del nuovo accumulo potrebbero contenere fino a 200 Mboe (Barile equivalente di petrolio). Il pozzo Sayulita-1 EXP è il secondo pozzo consecutivo di successo perforato dalla Società in partnership con l'operatore Eni nell'ambito degli impegni condivisi nel Blocco 10", ha affermato l’azienda russa in un comunicato stampa.

La collaborazione tra Italia e Russia nell'offshore del Messico

Il 6 novembre 2018 Eni e Lukoil firmarono un accordo per lo scambio di quote di partecipazione in tre licenze esplorative nelle acque poco profonde del Messico. Secondo i termini di quell’accordo, l’Eni, presente in Messico dal 2006, cedeva a Lukoil una partecipazione del 20% nei Production Sharing Agreement (PSC) di Area 10 (quella dove è stato individuato il nuovo giacimento) e Area 14, e acquisiva una partecipazione del 40% nel PSC di Lukoil per l’Area 12.
L'obiettivo dell'accordo, alla luce della vicinanza dei blocchi, era quello di diversificare i rischi esplorativi, nonché accedere a maggiori opportunità e aumentare le sinergie operative.
Questi tre blocchi, situati nel bacino del Sureste (Golfo del Messico) erano stati assegnati a Eni e Lukoil nel 2017 a seguito di una gara internazionale denominata "Ronda 2.1", organizzata dalla Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH) e vinta dalle aziende italiana e russa.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала