Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Immunità di gregge? In Italia non c’è, solo i vaccinati sono protetti

© Sputnik . Evgeny UtkinManifestazione No Green Pass, Milano 31.07
Manifestazione No Green Pass, Milano 31.07 - Sputnik Italia, 1920, 02.08.2021
Seguici su
L'immunità di comunità in Italia sarebbe qualcosa di effimero che non avrebbe mai potuto esserci sin dall'inizio della campagna vaccinale, questa l'affermazione di una epidemiologa dell'Aie.
No abbiamo speranza in Italia, la situazione in cui ci troviamo non consentirà di raggiungere l’immunità di gregge. La sentenza la proferisce l’epidemiologa Stefania Salmaso, associata all’Aie che è stata ospite di Agorà Estate su Rai 3, come riporta l’Adnkronos.
L’immunità non c’è e “non è nemmeno perseguibile. Cioè il concetto che chi non vaccinato è protetto da tutti gli altri che invece si sono vaccinati, cioè appunto dal 'gregge' immune, non è applicabile nella nostra situazione. Chi è vaccinato è protetto e chi non è vaccinato non lo è”, dice la Salmaso.
Il problema, spiega la dottoressa, riguarda i non vaccinati presenti in fasce di età ben definite.
“Non abbiamo alcun elemento per pensare di poter raggiungere l'immunità di gregge visto che tutti i non vaccinati sono in fasce di età ben definite e non sono mescolati completamente tra i vaccinati”.
E non solo “non è perseguibile” adesso, “ma non lo è stato fin dall'inizio” secondo l’epidemiologa.

Per il ritorno a scuola

L’epidemiologa fa presente che a settembre, quando gli studenti e le studentesse torneranno a scuola, non tutti saranno vaccinati e per questo serviranno dei controlli costanti, magari con tamponi salivari.

“Visto che molti non potranno essere vaccinati contro il Covid ancora, anche per questioni di tempo, vanno organizzati degli screening continui, magari con prelievi salivari, meno invasivi e che non hanno bisogno di operatori, fatti a rotazione continuamente nelle classi. Così se circola il virus si trova. Questo per identificare focolai in modo precoce”, conclude l’epidemiologa.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала