Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Generale della Nato spiega a quali condizioni si potrà aprire fuoco contro navi russe nel Mar Nero

© AP Photo / Vadim GhirdaNavi da guerra NATO nel mar Nero
Navi da guerra NATO nel mar Nero - Sputnik Italia, 1920, 02.08.2021
Seguici su
L'ammiraglio statunitense della Nato Robert Burke ha dichiarato possibile un attacco contro le navi militari russe nel Mar Nero a determinate condizioni.
Il comandante delle forze navali statunitensi in Europa e in Africa, l'ammiraglio Robert Burke, ha spiegato in quale caso le forze della Nato apriranno il fuoco sulle navi russe nel Mar Nero. Le sue parole sono state riportate da Business Insider.
Secondo il militare, quando un aereo straniero vola vicino ai cacciatorpediniere della Nato, i comandanti decidono autonomamente se si stanno preparando ad attaccare o meno.

"Si può sostenere che loro ci provochino a colpire per primi. Non lo faremo prima senza provocazione, ma allo stesso tempo non chiederò che i miei comandanti prendano il primo colpo sul muso", ha detto Burke.

Come ha chiarito l'ammiraglio, la Marina russa accompagna costantemente le navi della Nato che operano nella regione. Questi contatti sono per lo più sicuri e professionali, ha affermato. Ha notato che la Russia ha ampiamente modernizzato le sue forze armate, in particolare i suoi sottomarini, inoltre ha imparato dalle guerre statunitensi in Iraq e Afghanistan.
La linea diretta con Vladimir Putin - Sputnik Italia, 1920, 30.06.2021
Putin sicuro, sconfinamento HMS Defender nel Mar Nero provocazione pianificata a lungo da Usa e Gb
Alla fine di giugno le forze dell'Alleanza Atlantica hanno effettuato diverse provocazioni al largo della Crimea. Il ministro della Difesa russo ha riferito che il 23 giugno il cacciatorpediniere della Marina britannica Defender ha attraversato le acque territoriali a Capo Fiolent. I militari russi hanno dovuto aprire il fuoco di avvertimento per far cambiare rotta alla nave straniera. Il giorno successivo, la fregata della marina olandese Evertsen, che si trovava in acque internazionali, ha iniziato a muoversi verso lo stretto di Kerch. Al fine di prevenire violazioni dei confini russi, i militari hanno fatto decollare i caccia Su-30 e bombardieri Su-24, dopodiché la nave ha cambiato rotta.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала