Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gran Bretagna non vuole escalation nel Mar Cinese Meridionale - The Guardian

© flickr.com / Defence ImagesNave della Marina britannica (foto d'archivio)
Nave della Marina britannica (foto d'archivio) - Sputnik Italia, 1920, 31.07.2021
Seguici su
Ieri, il ministero della Difesa nazionale cinese ha avvertito che Pechino potrebbe rispondere in modo simile a un gruppo d'attacco di una portaerei britannica che naviga nelle acque contese del Mar Cinese Meridionale.
Londra non ha intenzione di innescare uno scontro navale con Pechino nelle acque contese del Mar Cinese Meridionale, secondo quanto affermato al The Guardian da una fonte anonima della difesa britannica.

E' stato inoltre affermato che il gruppo d'attacco della HMS Queen Elizabeth sarebbe transitato "a decine di chilometri di distanza" dalle isole Spratly e Paracel, rivendicate, oltre che dalla Cina, anche da Filippine, Brunei, Malesia e Vietnam.
Le osservazioni degli addetti ai lavori seguono l'avvertimento del portavoce del ministero della Difesa nazionale cinese Wu Qian, che venerdì aveva sottolineato come Pechino potrebbe reagire al passaggio del gruppo d'attacco della portaerei britannica attraverso il Mar Cinese Meridionale.
In precedenza, il Ministero degli Esteri cinese aveva rilevato che Pechino "si oppone fermamente alla pratica di mostrare i muscoli in Cina" e che la decisione di Londra a inviare navi da guerra in Asia "mina la sovranità e la sicurezza della Cina e danneggia la pace e la stabilità regionali".
La portaerei Queen Elizabeth e le navi alleate sono entrate nel Mar Cinese Meridionale all'inizio di questa settimana e dovrebbero partire entro la fine di sabato.
Ad aprile, il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace aveva annunciato l'imminente missione indo-pacifica del gruppo d'attacco HMS Queen Elizabeth, affermando che avrebbe sventolato "la bandiera della Gran Bretagna globale" per proteggere "l'influenza" del paese e riaffermare il suo "impegno ad affrontare le sfide della sicurezza dell'oggi e del domani".
Un elicottero WZ10 dell'Aeronautica Militare Cinese - Sputnik Italia, 1920, 30.07.2021
Mar Cinese Meridionale, la Cina reagirà al transito del gruppo d'attacco britannico

Il cambiamento della politica estera del Regno Unito

Il primo ministro britannico Boris Johnson, da parte sua, ha definito la regione indo-pacifica un "centro geopolitico del mondo" in espansione quando ha presentato la nuova revisione della politica estera britannica alla fine di marzo.
Nella revisione si sostiene che la crescente assertività di Pechino potrebbe diventare il principale "fattore geopolitico" dell'attuale decennio, motivo per cui il Regno Unito dovrebbe fare di più per adattarsi al crescente impatto della Cina sul mondo.

Nel documento, la Cina viene descritta come il paese che rappresenta la "più grande minaccia statale" e la "sfida sistemica" alla sicurezza economica, alla prosperità e ai valori della Gran Bretagna.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала