Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, tre regioni a rischio zona gialla già a Ferragosto

© Sputnik . Vladimir Vyatkin / Vai alla galleria fotograficaUna spiaggia sul mar Tirreno
Una spiaggia sul mar Tirreno - Sputnik Italia, 1920, 31.07.2021
Seguici su
La curva epidemiologica torna a salire spinta dalla diffusione della variante Delta, divenuta dominante in tutto il Paese. Secondo i dati dell'ISS, il ceppo mutato è responsabile del 90% dei contagi e si è sostituito alla variante Alpha.
I dati della sorveglianza integrata dell'Istituto Superiore di Sanità, relativi alla settimana tra il 19 e il 25 luglio, mostrano un forte aumento dell'incidenza settimanale che passa da 31 a 50 casi per 100 mila abitanti e un Rt medio a 1,52.
Il cambio dei parametri inserito nel provvedimento del 22 luglio salva otto regione dalla zona gialla.
Nell'ultima settimana hanno superato la soglia dei 50 casi Sardegna (136,2), Toscana (94,6), Lazio (87,5), Umbria (81,6), Veneto (81), Sicilia (80,9), Emilia Romagna (71,5), Liguria (53,6).
Coronavirus, una donna indossa mascherina protettiva in Italia - Sputnik Italia, 1920, 29.07.2021
Covid, Gimbe: impennata decessi del 46,1% in 7 giorni, siamo nella quarta ondata
La zona gialla scatta sull'allerta dei parametri ospedalieri, quando viene superato il 15% dei ricoveri ordinari e il 10% di occupazione delle terapie intensive.
Il numero dei ricoveri resta ampiamente sotto la soglia critica, scongiurando, almeno per il momento, il ripristino delle restrizioni. Solo tre regioni sono sorvegliate speciali per le ospedalizzazioni: Sicilia, Sardegna e Lazio.
La maggiore preoccupazione riguarda la Sicilia che con l'8% dei ricoveri in area medica e il 4,7% delle intensive. Allerta anche la Sardegna, che ha raggiunto il 4,4% dei posti occupati nei reparti e il 4,2% in terapia intensiva, e il Lazio, con il 4 % in area medica e il 3,7% in terapia intensiva.
La crescita sostenuta dei contagi fa temere per il cambio di colore già a ferragosto. Si intensificano gli appelli dei governatori a mantenere anticontagio in caso di assembramenti e ad intensificare le vaccinazioni, soprattutto in Sicilia e Sardegna, meno virtuose di altre regioni.
Secondo i dati di Aifa l'efficacia della campagna di vaccinazione raggiunta in Sicilia e Sardegna è rispettivamente del 93,9% e 93,8%, inferiore all'efficacia della campagna nazionale pari a 95,6%.
In Italia ad oggi sono 68.186.823 le dosi si vaccino anticovid somministrate su un totale di 71.336.833. Le persone che hanno completato il ciclo di immunizzazione sono 32.139.726, pari al 59,51% della popolazione vaccinabile.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала