Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pil Italia vola al 2,7%, Brunetta: "E' boom economico, Draghi vero game changer del Paese"

© Fotolia / violetkaipaeconomia grafico
economia grafico - Sputnik Italia, 1920, 30.07.2021
Seguici su
I dati preliminari sulla crescita italiana nel secondo trimestre mostrano una sostenuta ripresa sia congiunturale che tendenziale. La variazione acquisita per il 2021 è stimata al +4,8%
L'Istat rileva una decisa ripresa dell'economia italiana fra aprile e giugno, con il Pil, l'insieme dei beni e servizi prodotti dal Paese, che nelle stime preliminari fa un balzo in su del 2,7% rispetto al trimestre precedente e del 17,3% in termini tendenziali, ovvero rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
L'aumento tendenziale eccezionalmente marcato è dovuto, spiega Istat, dal confronto con il punto di minimo toccato nel secondo trimestre del 2020, all'apice della crisi sanitaria da Covid-19.
I dati sul Pil nel secondo trimestre del 2021 sono corretti per gli effetti di calendario e destagionalizzati. Rispetto allo stesso periodo del 2020, gli ultimi tre mesi dell'anno hanno avuto una giornata lavorativa in più.
"Dopo un primo trimestre del 2021 in lieve recupero, nel secondo trimestre dell’anno l’economia italiana ha registrato una crescita molto sostenuta. Il risultato ha beneficiato soprattutto di un forte recupero del settore dei servizi di mercato, il più penalizzato dalla crisi, di una crescita dell’industria e di una sostanziale stazionarietà dell’agricoltura", commenta una nota di Istat.
Con questi dati la variazione acquisita per il 2021, ovvero la crescita annuale in presenza di variazioni nulle nei periodi successivi, è stimata al 4,8%, una cifra che si approssima al 5% previsto da governo, Commissione europea e Bankitalia.

"Boom economico"

"L’Italia sta vivendo una vera e propria fase di boom economico, come certificato dagli ultimi dati sul Pil pubblicati oggi dall’Istat", commenta in una nota il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, secondo cui alla luce dei nuovi dati Istat "le stime di crescita del Pil annuale dovranno essere necessariamente riviste tutte al rialzo, perché quelle attuali sono basate su ipotesi non più veritiere di aumento del Pil del secondo trimestre".
"È possibile, quindi, che la crescita si attesti verso il +6%, un risultato che nessun previsore osava nemmeno sperare all’inizio dell’anno", sottolinea il ministro.
Per Brunetta questi dati costituiscono la conferma per quanti credevano che il nuovo esecutivo avrebbe portato alla "tanto attesa svolta" per l'economia italiana.
"Draghi è davvero il game changer per il nostro Paese. Basta solo non farci del male”, conclude.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала