Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Afghanistan, Imran Khan: "Gli USA hanno incasinato tutto"

© AP Photo / Alexei DruzhininPrimo ministro pakistano Imran Khan
Primo ministro pakistano Imran Khan - Sputnik Italia, 1920, 28.07.2021
Seguici su
Negli scorsi mesi Islamabad è stata spesso accusata di sostenere i talebani in funzione antigovernativa.
Martedì il primo ministro pakistano Imran Khan ha affermato che gli Stati Uniti "hanno davvero incasinato tutto" in Afghanistan, cercando di trovare una "soluzione militare" al conflitto, nonostante a suo modo di vedere una simile prospettiva non sia mai esistita.

“E le persone come me che continuavano a dire che non c'è soluzione militare, che conoscono la storia dell'Afghanistan, venivano chiamate antiamericane. Mi chiamavano Taliban Khan", ha detto il primo ministro pakistano durante un'intervista televisiva all'emittente americana PBS.

Khan, parlando della gestione da parte di Washington della questione afghana, si è lamentato del fatto che quando gli Stati Uniti sembravano pronti per una risoluzione politica nella nazione dell'Asia centrale, avevano già perso il loro "potere contrattuale" poiché il numero delle truppe della NATO era già stato ridotto a circa 10.000.

Khan ha confermato all'emittente americana che, dal momento in cui la "soluzione militare" al conflitto era fallita, un governo inclusivo che prevedeva un accordo di condivisione del potere con Kabul sarebbe stato il "miglior risultato" per il futuro.

"Quindi, i talebani* si siedono con l'altra parte e formano un governo inclusivo. Questo sarebbe il miglior risultato. Non c'è altro che possiamo fare, tranne spingerli il più possibile per una soluzione politica. Questo è tutto", ha detto ancora Khan.

Il primo ministro pakistano ha anche respinto le accuse secondo cui il Pakistan starebbe fornendo supporto militare, logistico e finanziario agli insorti talebani nella lotta contro le forze di sicurezza nazionali afghane (ANSF), come affermato dall'amministrazione del presidente Ashraf Ghani, che ha fatto notare come negli ultimi giorni circa 10.000 combattenti abbiano attraversato il confine tra i due Paesi per andare a dare manfrte ai talebani.

Da parte sua, Khan ha affermato che le autorità afghane devono ancora fornire prove a sostegno delle loro affermazioni.
“Quando dicono che il Pakistan ha dato ai talebani rifugi sicuri, santuari, dove sono questi rifugi sicuri?", si è chiesto il premier.
Il ministro della Difesa russo Shoigu nella conferenza stampa dopo il vertice intergovernativo 2+2 italo-russo a Roma - Sputnik Italia, 1920, 28.07.2021
La situazione in Afghanistan
Afghanistan, ministro Difesa russo individua le cause della nuova escalation

Il ritiro degli americani dall'Afghanistan

Gli Stati Uniti si sono impegnati a ritirare le proprie forze armate dall'Afghanistan entro il 31 agosto di quest'anno, con il processo che ha avuto inizio il 1° maggio scorso. All'inizio di questo mese, il Comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) ha annunciato che il 90% delle forze era già stato ritirato dalla regione.

Il processo di ritiro delle truppe straniere, tuttavia, è stato accompagnato da un'offensiva nazionale da parte dei talebani, con gli insorti islamici che affermano di controllare quasi l'85 percento del territorio dell'Afghanistan e il 90 percento dei suoi confini, compresi quelli con Tagikistan, Uzbekistan, Turkmenistan e Iran.

*I talebani sono un gruppo terroristico vietato in Russia e in altri Paesi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала