Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Rifiutava tamponi e vaccino": imprenditore italiano muore di Covid a Miami

© AP Photo / Mike GrollAmbulanza degli Usa
Ambulanza degli Usa - Sputnik Italia, 1920, 27.07.2021
Seguici su
Marco De Veglia, manager italiano trapiantato negli Usa, sarebbe morto dopo aver contratto il Covid in forma grave. Sui social condivideva post in cui venivano espressi dubbi sul vaccino.
È diventata un vero e proprio caso la morte di Marco De Veglia, imprenditore triestino trapiantato a Miami, che si è spento in Florida dopo aver contratto il Covid.
Un caso perché il “guru” del brand positioning, arrivato in America nel 2009, era convinto che il virus fosse poco più di un’influenza e, soprattutto, era contrario al vaccino anti-Covid.
A raccontarlo sono i suoi amici, come l’imprenditore Stefano Versace, citato dal Corriere della Sera, che punta il dito contro le “fake news”. Un flusso continuo che invita a “non tutelare la propria salute”, di cui, afferma, possono essere vittima anche persone come De Veglia. E cioè un uomo “intelligente” e “un ottimo professionista”, come lo descrive Versace.
Un altro amico dell’imprenditore, intervistato da La Stampa, lo ricorda come un “no-vax” convinto. “Marco era sommerso dalle fake news”, ha confermato il conoscente che ora rimpiange di non essere riuscito a convincerlo né ad effettuare la vaccinazione anti-Covid, né il tampone all’esordio di quella che De Veglia avrebbe trattato come una banale influenza.
“Mi sento profondamente in colpa – ha detto al quotidiano di Torino - per non aver insistito di più. Doveva andare subito in ospedale a farsi quel dannato tampone. Il suo primo errore è stato non vaccinarsi. Ma senza il secondo errore forse adesso sarebbe ancora vivo”.
Uno degli ultimi post condivisi dal manager italiano su Facebook era una critica alla “narrazione pandemica”. “Una contraddizione dietro l’altra – si legge nel post - a fare da eco a una propaganda buffa quanto asfissiante. L’ultima sparata è quella dei pass".
Prima di ammalarsi aveva anche firmato una petizione contro la proposta del virologo Matteo Bassetti di imporre il lockdown solo ai non vaccinati in caso di risalita dei contagi in Italia.
De Veglia era conosciuto in tutto il mondo per la sua attività di “brand positioning”, per cui offriva consulenze efficaci a start-up e multinazionali. Era arrivato a New York nel 2009, e dopo essersi affermato nel suo settore aveva anche scritto un manuale per gli imprenditori. L’uomo viveva a Miami, in Florida, era sposato e papà di un ragazzo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала