Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

In Italia quasi una ricercatrice su due è donna

© Foto : Politecnico di TomskNel laboratorio delle nuove forme di dosaggio del Centro RASA nella base di ricerca del Politecnico di Tomsk
Nel laboratorio delle nuove forme di dosaggio del Centro RASA nella base di ricerca del Politecnico di Tomsk - Sputnik Italia, 1920, 27.07.2021
Seguici su
Secondo un report di Elsevier in Italia le ricercatrici donne sono il 44 per cento. Il nostro Paese è il terzo in Europa dopo Spagna e Portogallo per la rappresentanza femminile.
Italia promossa sulle quote rosa nella ricerca. Secondo un report di Elsevier, società che fa parte dell’omonimo gruppo editoriale leader nel mondo in ambito medico-scientifico, in Italia le ricercatrici sono il 44 per cento.
Il nostro Paese, quindi, sarebbe ad un passo dalla parità di genere in questo settore, collocandosi di gran lunga al di sopra della media europea, che si ferma al 39 per cento.
Meglio dell’Italia fanno solo Spagna e Portogallo, che arrivano al 48 per cento di rappresentanza, mentre Paesi del nord Europa, come la Danimarca restano a quota 35 per cento.
Lo studio si intitola “Gender in research” e analizza i rapporti di forza tra uomini e donne nel campo della ricerca scientifica. L’Italia, secondo i dati che emergono dal dossier, citato dall’agenzia Agi, si piazza tra i Paesi virtuosi anche in termini di differenza retributiva.
Il gap salariale, infatti, ammonta soltanto al 7 per cento (la media europea va oltre il 15 per cento).
Non fanno eccezione le discipline tecniche come scienze, tecnologia, ingegneria e matematica, in cui le donne protagoniste sono sempre di più, e dal 30 per cento del 2003 sono arrivate a sfiorare il 50 per cento.
Anche in questo caso la prestazione italiana supera di almeno 10 punti percentuali quella della media dei Paesi europei. In questo settore le candidature rosa ai dottorati superano addirittura, seppur di poco, quelle maschili.
L’unico neo evidenziato dal report di Elsevier riguarda la rappresentanza ai vertici degli istituti di ricerca, dove le donne sono ancora poche.
La presenza femminile alla guida di queste organizzazioni non supera, infatti, il 20 per cento. Magra consolazione è che la situazione in Europa non è molto diversa, con la media europea che in percentuale non si discosta molto dal dato italiano.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала