Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Un secolo e mezzo di storia del Sole per previsioni meteo spaziali più accurate: nuovo catalogo

© Foto : Solar Orbiter / EUI Team / ESA & NASA; CSL, IAS, MPS, PMOD / WRC, ROB, UCL /MSSLLe prime immagini da Solar Orbiter rivelano ‘campfires’ sul Sole
Le prime immagini da Solar Orbiter rivelano ‘campfires’ sul Sole - Sputnik Italia, 1920, 26.07.2021
Seguici su
Un nuovo strumento scientifico è a disposizione degli astronomi per prevedere l'attività del nostro Sole, temibile durante le fasi di massima attività.
La nostra stella, il Sole, ha un nuovo catalogo delle macchie solari che raccoglie la storia di un secolo e mezzo di osservazioni, dal 1874 al 2020.
Il nuovo catalogo delle macchie solari aiuterà gli astronomi a creare previsioni sul meteo spaziale più accurate, basandosi sui cicli solari trascorsi. Il catalogo è stato pubblicato su Astronomy & Astrophysics, come riporta l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf).
Il catalogo, che prende il nome di Catalogue of Hemispheric Sunspot Numers (Hsn), è stato realizzato da un team di scienziati dell’Università di Graz (Austria), in collaborazione con l’osservatorio di Kanzelhöhe, l’Istituto Skoltech e il World Data Center Silso dell’Osservatorio Reale del Belgio.
Servirà a tutta la comunità scientifica internazionale per meglio prevedere l’evoluzione del ciclo solare e delle condizioni meteo spaziali.

Macchie solari e il loro ruolo nella comprensione del Sole

L’Inaf fa notare che la comparsa delle macchie solari è l’indice più importante dell’attività solare. Una attività che ha un ciclo medio di 11 anni, in cui le macchie raggiungono un picco di presenza chiamato periodo massimo.
Le macchie solari si formano a causa di una riduzione della temperatura superficiale rispetto al resto della fotosfera, questa riduzione si esprime visivamente in zone di colore più scuro e sono dovute all’emersione di flussi magnetici che provengono dalle profondità del Sole che, va ricordato, è un corpo gassoso.

Meteo spaziale e previsioni vitali per satelliti artificiali

Conoscere per tempo l’attività del Sole è vitale per la sopravvivenza della tecnologia delle telecomunicazioni spaziali che abbiamo realizzato negli ultimi decenni di storia.
Infatti, durante le fasi di massimo e cioè quando sulla superficie della nostra stella osserviamo un più alto numero di macchie solari, un altro elemento, il plasma, viene eiettato nello spazio in grandi quantità.
Questo plasma è frutto dell’attività del campo magnetico del Sole e può essere letale per i nostri satelliti in orbita intorno alla Terra, perché potrebbero essere danneggiati.
Le tempeste magnetiche possono anche causare blackout sulla Terra.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала