Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scontro Burioni-Codacons, appello Ordine dei Medici ad abbassare toni

Roberto Burioni - Sputnik Italia, 1920, 26.07.2021
Seguici su
"Le sanzioni non sono processi di piazza".
Dopo il tweet contro i no-vax e gli oppositori del green pass pubblicato nei giorni scorso dal noto virologo del San Raffaele di Milano Roberto Burioni, in cui "ironicamente" li invitava a stare "a casa come dei sorci" a partire dal prossimo 5 agosto in virtù del nuovo decreto del governo Draghi, il Codacons aveva chiesto la radiazione dall'albo dei Medici.
Nel merito è intervenuto Filippo Anelli, presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici, con un appello a tutti ad abbassare i toni dello scontro, propagatosi sui social.
"I procedimenti disciplinari sono il punto più alto dell'attività ordinistica e non possono diventare processi di piazza, con una sentenza richiesta a gran voce con un mail bombing, attraverso i social e neppure con un esposto. Invitiamo tutte le parti ad abbassare i toni e a riportarli all'interno di un dibattito civile e democratico", le sue parole rilasciate ad Adnkronos.
Anelli ha ricordato che i medici sono obbligati a promuovere la campagna di vaccinazione e per la categoria vige l'obbligo vaccinale, evocato in precedenza da lui stesso. Tuttavia ha evidenziato che le manifestazioni dello scorso fine settimana non erano tanto dirette contro i vaccini, ma avevano preso di mira il decreto sul green pass.
"Dobbiamo però tener presente che le manifestazioni dei giorni scorsi erano contro il Green pass, più che contro il vaccino in sé. Bisogna stare attenti a non censurare le opinioni, anche se non condivise e, per noi medici, a correlare la loro espressione ai dettami del Codice deontologico. Una comunicazione 'gentile' è inoltre una buona strada per accogliere e convincere gli esitanti".

Bassetti solidarizza con Burioni e la replica stizzita del Codacons

Burioni, che oggi si è scusato per il tweet che tante polemiche ha scatenato, ha incassato la solidarietà di Matteo Bassetti, l'infettivologo del San Martino di Genova, anche lui 'in lotta' contro i no-vax.
Per il medico ligure l'azione del Codacons contro Burioni è "polemica sterile e inutile".
A sua volta il Codacons ha replicato duramente alle osservazioni di Bassetti, rilevando che la denuncia non sposava la causa no-vax.
"Quello che è davvero paradossale è che Bassetti non abbia minimamente compreso che la nostra denuncia non era certo contro i vaccini, ma contro Burioni. Denunciare un medico che cede agli insulti e alla volgarità sui social network, e che così facendo danneggia la campagna in favore dei vaccini, non ha niente a che vedere con la difesa dei no-vax, e avremmo denunciato il virologo anche se avesse usato gli stessi termini per definire altre categorie di utenti".
Il Codacons ha ricordato a Bassetti il suo impegno a favore della campagna di vaccinazione.
"Fa specie che un medico come Bassetti parli così a sproposito e si lasci andare ad affermazioni fuori luogo, senza minimamente informarsi circa i contenuti della nostra denuncia contro Burioni, e senza sapere che il Codacons è stata l’associazione che in Italia ha fatto di più in favore dei vaccini, denunciando i ritardi delle case farmaceutiche nelle forniture e attivandosi con decine e decine di denunce e istanze per garantire la vaccinazione a tutti gli italiani".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала