Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cuba punta il dito contro gli USA: "Manipolano le informazioni"

© REUTERS / Stringer Cuba's Foreign Minister Bruno Rodriguez smiles while addressing the media in Havana
Cuba's Foreign Minister Bruno Rodriguez smiles while addressing the media in Havana - Sputnik Italia, 1920, 23.07.2021
Seguici su
L'Avana accusa Washington di gettare benzina sul fuoco, nel tentativo di destabilizzare l'isola, sostenendo con attacchi informatici e campagne di disinformazione le proteste dei dissidenti, mentre affronta la peggiore recrudescenza di Covid-19 aggravata dall'inasprimento delle sanzioni unilaterali statunitensi.
Il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez Parrilla ha parlato giovedì pomeriggio in una conferenza stampa trasmessa in televisione, per esprimere le sue preoccupazioni sui cyberattacchi e la manipolazione delle informazioni sulle manifestazioni delle ultime settimane a Cuba.
"Il nostro popolo, e il nostro governo - ha affermato - sono seriamente preoccupati per la manipolazione delle informazioni e delle immagini, che si è verificata fino ad ora" sulle proteste a Cuba.
In particolare accusa le reti televisive statunitensi CNN in spagnolo e Fox News di portare avanti una campagna di disinformazione "sistematica e mendace" contro Cuba, che "contravviene al giornalismo oggettivo e non rispettava il diritto degli Stati Uniti cittadini e il mondo per ricevere informazioni veritiere”.

Le sanzioni al ministro della Difesa

Nel suo discorso Rodriguez ha fatto riferimento anche alle sanzioni imposte dal Governo degli Stati Uniti contro il Ministro delle Difesa e la Brigata Speciale del Ministero dell'Interno, per presunte responsabilità nella repressione dei manifestanti, sanzioni che ha definito " irrilevante "dal punto di vista pratico.
“Qui non c’è stato un atto di repressione contro il popolo cubano e non c’è stata alcuna rivolta sociale”, ha dichiarato il ministro, esortando Biden ad “occuparsi delle differenze razziali nel suo paese”.

Desaparecidos

Riguardo le presunte liste di desaparecidos comparse sui social network, Rodriguez assicura che "sono false" e "non c'è un solo caso", invitando "qualsiasi autorità del governo degli Stati Uniti" o di qualsiasi Paese a "presentare un singolo caso di persone scomparse e prometto in poche ore di smentirlo con prove sufficienti".
Il ministro ha poi sottolineato la timidezza con cui gli Stati Uniti intervengono in altri Paesi dell'America Latina quando vengono uccisi "difensori dei diritti umani, attivisti sociali, leader di comunità, persone che si sono unite processi di pace", mentre utilizzano "false bandiere per fini belligeranti" a Cuba.
Proteste in Cuba - Sputnik Italia, 1920, 23.07.2021
Gli USA introducono nuove sanzioni contro Cuba

Pressioni politiche contro Cuba

Rodríguez ha anche denunciato la pressione politica ed economica esercitata dalla Casa Bianca contro un gruppo di paesi, cercando di farli aderire a una dichiarazione di condanna contro Cuba, che ha definito "svergognata e bugiarda".

"Abbiamo tutte le prove delle pressioni che il governo degli Stati Uniti sta esercitando contro sei paesi in Europa e almeno otto in America Latina. Hanno cercato di aggiungerli sotto ricatti, calunnie e menzogne ​​alla campagna contro Cuba", ha condannato il ministro.

Ha inoltre avvisato pubblicamente il governo degli Stati Uniti dei piani di una flottiglia organizzata a Miami, che intende stabilirsi al confine marittimo vicino a Cuba, per la quale ha chiesto a Washington "di agire seriamente per evitare incidenti che non fanno comodo a nessuno".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала