Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Auto elettriche, cresce il mercato in Italia: +273% di immatricolazione nel secondo trimestre 2021

CC0 / / Auto elettrica cinese
Auto elettrica cinese - Sputnik Italia, 1920, 23.07.2021
Seguici su
La quota di auto elettriche nel volume complessivo di auto nuove vendute nell'Unione Europea è raddoppiata nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2020, ovvero al 7,5%. Lo si apprende da un recente rapporto dell'Associazione dei costruttori automobilistici europei (ACEA).
"Nel secondo trimestre del 2021 il numero di registrazioni di veicoli elettrici ha continuato a crescere. La quota di mercato dei veicoli elettrici a batteria è più che raddoppiata, dal 3,5% nel secondo trimestre del 2020 al 7,5% di quest'anno", afferma il rapporto che mostra dati su vendite di veicoli nuovi e le quote di mercato.
Il numero di registrazioni delle auto elettriche a batteria è aumentato 3,3 volte, ammontando a 210.298 unità. La crescita è stata guadagnata con i successi nei maggiori mercati dell'UE, tra cui i più notevoli sono:
Svezia: da 3,571 a 17,509 (+390.3%)
Germania: da 18,409 a 84,127 (+357,0%)
Spagna: da 1,229 a 5,809 (+372,7%).

Impressionante anche la crescita in Italia, dove nel secondo trimestre del 2020 sono state registrate 4,548 auto elettriche e il numero di veicoli di questo tipo venduti nel secondo trimestre di quest'anno è arrivato a 16,978 (+273.3%).

La quota di mercato delle auto alimentate con carburanti tradizionali, benzina e diesel, è scesa complessivamente al 62,2% delle auto nuove vendute. La quota delle auto diesel è stata del 20,4% contro il 29,4% nel secondo trimestre del 2020 e della benzina: 41,8% contro il 51,9%.
Da aprile a giugno 2021 il numero di immatricolazioni di veicoli a benzina e diesel nell'UE è aumentato rispettivamente del 25,3% e del 7,8%. Tuttavia, questo aumento si è verificato nel contesto di una base di riferimento bassa utilizzata per il confronto, che si spiega con i lockdown dello scorso anno a causa della pandemia COVID-19, osserva l'associazione.
"La crescita è stata notevolmente più modesta rispetto a quella degli altri segmenti combustibili, il che ha portato a una riduzione delle quote di mercato", dichiara l'ACEA.
La Commissione Europea aveva proposto di rinunciare alle auto con motori a benzina e diesel nell'UE entro il 2035 e di ammettere nel mercato esclusivamente nuovi veicoli a zero emissioni nocive. In contemporanea la Commissione propone di sviluppare infrastrutture per i veicoli elettrici, in particolare una rete di stazioni di ricarica.
L'ACEA ha espresso il proprio dissenso per l'iniziativa. Le case automobilistiche si impegnano a ridurre le emissioni a zero, tutti i membri ACEA sostengono l'obiettivo di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 e stanno investendo miliardi di euro in tecnologie innovative. Tuttavia, vietare una tecnologia concreta non è razionale in questa fase, sostiene l'associazione.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала