Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gentiloni: “Nei prossimi giorni firmerò le prime erogazioni dei fondi del Recovery”

© Foto : MAE - Sala StampaGentiloni e Di Maio a Bruxelles
Gentiloni e Di Maio a Bruxelles - Sputnik Italia, 1920, 22.07.2021
Seguici su
Dopo l’ok dell’Ecofin a 12 Pnrr di altrettanti Paesi tra cui quello dell’Italia. Ci sarà entro fine luglio l’erogazione del 13% del volume stabilito per i piani di ripresa.
La prima tranche di fondi del Recovery fund europeo è in arrivo. Il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni ha annunciato che le firme degli accordi e gli stanziamenti arriveranno già nei prossimi giorni dopo che l’Ecofin la scorsa settimana ha approvato 12 Pnrr di altrettanti stati Ue tra cui l’Italia.

“Nei prossimi giorni firmerò gli accordi di finanziamento con i singoli paesi, in base ai quali ci saranno le prime erogazioni del 13%” del Recovery in base Piani nazionali di ripresa e resilienza (Pnrr).

Il lavoro prosegue per la metà dei Paesi Ue

Gentiloni ha precisato che anche dopo queste prime operazioni il lavoro continua.
“La Commissione ha lavorato in questi sei mesi, e sta continuando a lavorare perché la valutazione dei piani che è finita per 13-14 paesi è ancora in corso per l'altra metà dei paesi, anche con le difficolta politiche che avrete osservato''.

E poi ha ricordato che a “fine maggio e giugno ci sono state le prime approvazioni, le prime emissioni, la prima in assoluto di 20 miliardi è stata la più consistente mai fatta nella storia della Commissione europea. Adesso siamo arrivati a 45 miliardi''.

Adesso bisognerà aspettare per vedere se l’obiettivo del piano verrà raggiunto non soltanto con “un rimbalzo” della crescita ma anche con l’uscita da “quella situazione di bassissima crescita che da tempo ha caratterizzato le economie europee''.

L’ok dell’Ecofin con il 13% delle risorse subito disponibili

La settimana scorsa il Consiglio Ue dell'Economia e delle finanze ha dato il via libera al piano di ripresa e resilienza dell'Italia e altri 11 paesi.
Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna hanno ottenuto il via libera per l'utilizzo dei fondi Ue per la ripresa e la resilienza.
L'Ecofin ha adottato le 12 decisioni di esecuzione sull'approvazione dei piani nazionali per la ripresa e la resilienza e gli Stati membri possono concludere convenzioni di sovvenzione e accordi di prestito che consentiranno un prefinanziamento fino al 13% dell'importo totale.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала