Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Biologi scoprono antichi virus nel carotaggio di ghiacciai tibetani

© SputnikUno studente dell'università di Vladivostok con un campione di ghiaccio
Uno studente dell'università di Vladivostok con un campione di ghiaccio  - Sputnik Italia, 1920, 21.07.2021
Seguici su
Gli scienziati hanno trovato dozzine di specie di antichi batteri e virus in due campioni di ghiaccio risalenti a 15.000 anni fa prelevati dall'altopiano tibetano. La maggior parte di questi microrganismi erano sconosciuti agli scienziati.
Biologi americani dell'Ohio State University hanno analizzato carote di ghiaccio prelevate nel 2015 dalla calotta del ghiacciaio di Guliya, nella Cina occidentale e hanno trovato i codici genetici di 33 virus, quattro dei quali erano già stati classificati in precedenza ma 28 completamente nuovi alla scienza e ben differenti da qualsiasi virus moderno noto.
I ghiacciai immagazzinano una grande quantità di informazioni sulla storia della Terra catturando particelle di polvere, tracce di gas, microbi e materia vegetale dall'ambiente, spiegano gli autori dello studio seguito le analisi e pubblicato sulla rivista Microbiome.
Studiando le carote di ghiaccio ottenute perforando i ghiacciai, gli scienziati ottengono dati sull’antico clima, sulla composizione dell'atmosfera e su quali specie biologiche esistessero nei diversi momenti della storia.
"Questi ghiacciai si sono formati gradualmente e molti virus si sono depositati con polvere e gas", ha detto in un comunicato stampa l'autore principale Zhi-Ping Zhong, microbiologo presso il Center for Polar and Climate Research e il Center for Microbiome Research della Ohio State University.
“I ghiacciai nella Cina occidentale sono poco conosciuti e il nostro obiettivo è utilizzare le informazioni che conservano per conoscere meglio l'ambiente del passato. E i virus fanno parte di quell'ambiente", ha spiegato lo scienziato.
Misuratore della glicemia - Sputnik Italia, 1920, 26.06.2021
Covid, rischio diabete collegato al virus
Secondo i biologi, almeno la metà dei virus rilevati sarebbe tornata in vita dopo che il ghiaccio si è sciolto. Questa è un aspetto rilevante su cui riflettere secondo i ricercatori, dal momento che ogni anno i ghiacciai del Tibet si riducono di dimensioni e, sciogliendosi, gli antichi virus potrebbero riemergere.
"Questi sono virus che possono prosperare in condizioni estreme", spiega un altro partecipante allo studio, il dott. Matthew Sullivan, professore di microbiologia alla Ohio State University e direttore del Microbiome Research Center. "Hanno firme genetiche che li aiutano a infettare le cellule a temperature anche molto basse”.
Per decifrare queste firme, gli autori hanno sviluppato un nuovo metodo ultrapuro di sterilizzazione del ghiaccio che consente di studiare il materiale genetico di microbi e virus senza contaminarlo, poiché l'infezione con i microbi moderni è un problema serio per questo tipo di ricerca.
"Forse questo metodo ci aiuterà a trovare sequenze genetiche in altre condizioni di ghiaccio estreme, ad esempio su Marte, sulla Luna o più vicino a noi nel deserto di Atacama", afferma Sullivan.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала