Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Obbligo vaccinale per insegnanti, ministro Bianchi dice che deciderà Consiglio dei Ministri

© Foto : Comitato Priorità alla ScuolaManifestazione del Comitato Priorità alla scuola a Montecitorio, Roma
Manifestazione del Comitato Priorità alla scuola a Montecitorio, Roma - Sputnik Italia, 1920, 19.07.2021
Seguici su
La parola d'ordine per il Ministero dell'Istruzione è dare la priorità alla scuola in presenza, ma dell'obbligo vaccinale al corpo docenti e personale scolastico sarà il Cdm a occuparsene.
“Noi ci troveremo questa settimana col Consiglio dei ministri e la decisione sull'obbligo vaccinale o meno per gli insegnanti andrà presa dall'intero collegio”, lo ha affermato poco fa il ministro della Pubblica Istruzione, Patrizio Bianchi, chiarendo un po’ la situazione su una misura che in queste ore è tornata in prima pagina dopo le parole di Matteo Renzi.
Renzi, infatti, si è detto favorevole all’introduzione dell’obbligo vaccinale nel mondo della scuola a corpo docenti e tutti gli altri operatori della scuola che ancora non lo hanno fatto (sarebbero oltre 200 mila secondo i dati).
Ma la scuola lavora anche ad un rientro in aula, in presenza e senza la Dad che ha devastato la vita di molti studenti e studentesse come ha messo nero su bianco una indagine condotta dalle Commissioni Cultura e Sanità del Senato.
“Stiamo lavorando, abbiamo più di un miliardo già investito per la sicurezza: per le persone e per i trasporti, quindi siamo pronti. In merito alle mascherine, il CTS ci ha detto che dovranno restare in atto tutte le precauzioni sanitarie possibili. Per il resto, il Governo si riunirà per tutte le altre misure”, ha spiegato il ministro come riportato dall’agenzia Ansa.
Il ritorno a scuola in presenza è una priorità e cita l’apporto della scuola in estate, che in realtà non è stato un grande successo ovunque, dal momento che ci sono anche scuole che non hanno aderito alle iniziative, non consentendo agli studenti di recuperare socialità e competenze con attività diverse da quelle curriculari.

Scuola, cattedre e supplenze

“Per quanto riguarda cattedre e supplenze, siamo molto avanti”, dice il ministro parlando degli interventi che ha fatto il governo in tal senso e che si chiuderanno in Parlamento il 24 luglio prossimo.
“Abbiamo praticamente coperto i posti vacanti con concorsi straordinari, con la chiamata dei concorsi pregressi, con gli interventi previsti per immettere nel concorso dell'anno prossimo tutti i posti vacanti disponibili; abbiamo anticipato più di 40 giorni per le supplenze residue, quindi tutto quello che doveva essere fatto è stato fatto. Su questo mi sento sicuro”, spiega il ministro Bianchi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала