Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Iraq, il premier chiede il ritiro dal Paese delle truppe Usa che "combattono"

© AP Photo / Qassim Abdul-ZahraВоенные на месте обстрела военной базы США Эйн-аль-Асад в Ираке
Военные на месте обстрела военной базы США Эйн-аль-Асад в Ираке - Sputnik Italia, 1920, 19.07.2021
Seguici su
Nel gennaio 2020 il Parlamento iracheno ha approvato una risoluzione che ordina l'espulsione di tutte le forze Usa e della coalizione dal Paese in risposta all'assassinio a Baghdad del generale iraniano Qasem Soleimani. Washington ha ridotto le sue forze ed ha ceduto alcune basi all'Iraq, ma si è rifiutata di ritirarsi completamente dal Paese.
L'Iraq continua a dipendere dalla sicurezza americana e dall'assistenza nell'addestramento delle sue forze, ma non vuole che le truppe statunitensi da combattimento rimangano nel Paese, ha detto il primo ministro Mustafa al-Kadhimi in vista dei preparativi per la partenza a Washington, dove è atteso la prossima settimana per una visita ufficiale.
“Andremo a Washington per stabilire il nostro rapporto con l'America. L'esercito iracheno ha ancora bisogno delle sue forze per l'addestramento. Abbiamo bisogno del loro sostegno e del loro supporto di intelligence nella lotta contro l'Isis*", ha detto al-Kadhimi, parlando al canale saudita al-Hadath.
“La visita servirà a determinare la natura delle relazioni e a porre fine alla presenza delle forze di combattimento, perché l'esercito iracheno può ora combattere da solo per conto degli iracheni e del mondo contro i gruppi terroristici in Iraq. Non c'è bisogno di truppe da combattimento", ha sottolineato il capo del governo dell'Iraq.
L'esercito iracheno aveva annunciato nello scorso fine settimana che le sue forze avevano distrutto un drone del Daesh* (noto anche come Isis) che si aggirava su una stazione di polizia nella provincia occidentale di al-Anbar e hanno sequestrato quattro delle roccaforti del gruppo nella regione di Kirkuk, sequestrando armi ed altri equipaggiamenti bellici.
Joe Biden all'incontro con Putin a Ginevra - Sputnik Italia, 1920, 28.06.2021
Biden ordina attacchi aerei di "precisione" su milizie filo-iraniane al confine tra Siria e Iraq
Al-Kadhimi arriverà a Washington lunedì 26 luglio per colloqui personali con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. A sua volta la Casa Bianca afferma che la visita del premier iracheno "evidenzierà la partnership strategica tra gli Stati Uniti e l'Iraq e promuoverà la cooperazione bilaterale” tra le due nazioni. La parte irachena afferma che gli obiettivi di al-Kadhimi durante la visita sono legati alla stesura di un calendario concreto per il ritiro delle truppe statunitensi dal Paese.
* Organizzazione terroristica vietata in Russia e molti altri Paesi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала