Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Brigate Rosse, Di Marzio arrestato a Parigi. Reato non prescritto

Maurizio Di Marzio
Maurizio Di Marzio - Sputnik Italia, 1920, 19.07.2021
Seguici su
Uno degli ultimi brigatisti latitanti che faceva parte della frangia armata delle Br, è stato catturato a Parigi dopo essere fuggito all'operazione 'Ombre Rosse' in aprile.
Finisce dietro le sbarre anche l’ex brigatista Maurizio Di Marzio, questa mattina la polizia francese lo ha arrestato a Parigi, era l'ultimo ex terrorista per cui l'Italia chiedeva l'estradizione.
In aprile Maurizio Di Marzio era sfuggito all'operazione di cattura di numerosi ex terroristi condannati in Italia e che da anni vivevano protetti in Francia. Il provvedimento depositato l'8 luglio dalla Corte d'Assise di Roma ha stabilito infatti che non è ancora prescritta la sua pena.

Chi è Maurizio Di Marzio

Maurizio Di Marzio, 59 anni, ex brigatista rosso, era nella lista dei 10 terroristi che l’Italia aveva condannato in via definitiva per gravi reati commessi negli anni 1970.
Lo scorso 28 aprile Emmanuel Macron, a seguito di un accordo politico con l’Italia, aveva deciso di estradarlo insieme ad altri.
I membri delle Brigate Rosse arrestati  - Sputnik Italia, 1920, 29.04.2021
Terroristi italiani in Francia, i parenti delle vittime chiedono "non vendetta ma giustizia"
In quella fase lui era sfuggito alla cattura rendendosi irreperibile e poi, l’11 maggio, il suo reato è stato considerato caduto in prescrizione.
Tuttavia il tribunale di Roma la pensa diversamente e con una istanza inviata ad inizio luglio alle autorità francesi, si è chiesto di procedere al suo arresto.
Di Marzio nel 1982 fece parte del commando delle Br che tentò il sequestro del vicecapo della Digos di Roma, Nicola Simone. Questi, nonostante fosse gravemente ferito, riuscì a trovare la forza di sparare ad uno dei brigatisti mettendo in fuga gli altri.
L’allora vicecapo della Digos ottenne per questo la medaglia d’oro al valor civile. Nicola Simone è poi diventato il primo direttore dell’Interpol in Italia e il primo a dirigere il Servizio centrale operativo (Sco) della Polizia di Stato.
Di Marzio, invece, è attesto dalle patrie galere per scontare un residuo di pena di 5 anni e 9 mesi per banda armata, associazione sovversiva, sequestro di persona e rapina.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала