Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tritare la cipolla senza piangere? È possibile e vi diciamo come

CC0 / Pixabay / Cipolle
Cipolle - Sputnik Italia, 1920, 18.07.2021
Seguici su
In cucina non esiste un modo corretto di fare le cose: a seconda del risultato che desideri, puoi utilizzare l'una o l'altra tecnica. Tuttavia, quando si taglia la cipolla, esiste un modo adatto per evitare il classico mare di lacrime.
Il cuoco e blogger americano Ethan Chlebowski ha deciso di sperimentare diversi tipi di tagli per scoprire il migliore per cucinare e, naturalmente, piangere di meno.
Il problema più comune quando si affetta questo ortaggio essenziale in quasi tutte le ricette è il suo forte odore, oltre al cosiddetto fattore lacrimale (FL), che attiva le difese della cipolla e innesca una reazione chimica, in cui è coinvolta la proteina allinasi ed è responsabile dell'irritazione degli occhi.
Tuttavia questo potrebbe avere una soluzione molto più semplice di quanto pensi.
Ethan ha provato a tagliare le cipolle in cerchi o, come di dice nel mondo del cibo, ad anelli. È uno dei modi più comuni, ma per il blogger non il più adatto. Questo perché tale taglio distrugge la struttura della cipolla, quindi rilascia una maggiore quantità di FL, provocando più lacrime. Non solo è meno vantaggioso per il fornello, ma anche per il piatto finale, poiché i pezzi risultanti sono più morbidi e si deteriorano più velocemente.
I cuochi cercano proprio di evitare a tutti i costi questa consistenza; al contrario, cercate una cipolla morbida, ma allo stesso tempo croccante.
Per la blogger il taglio longitudinale, dalla radice al gambo, o julienne, è senza dubbio il più adatto a questo ortaggio, poiché aiuta a preservare la struttura della cipolla, che quindi emanerà meno aroma e meno FL e di conseguenza meno lacrime.
Il blogger ha messo in pratica questi suggerimenti e ha preparato delle cipolle caramellate.
Per Ethan il risultato parla da solo.
Mentre con le cipolle ad anelli il piatto risultava un po' insipido, con le julienne le cipolle caramellate avevano più corpo ed erano più croccanti, senza perdere morbidezza.
Tuttavia questo non è l'unico trucco per tagliare le cipolle senza piangere.
Secondo il blogger Pakus è importante disporre di buoni strumenti, come un coltello ben affilato e una buon tagliere, in quanto ciò consente minori emissioni dei gas responsabili dell'irritazione e impedisce al coltello di scivolare sulla superficie liscia della cipolla, producendo meno tagli.
Inoltre molti cuochi consigliano di far passare prima la cipolla nell'acqua fredda, o addirittura di raffreddarla in frigorifero, oltre a immergere ripetutamente il coltello mentre si taglia questo ortaggio.
Altri affermano addirittura che spalmare il coltello con l'aceto può anche aiutare a piangere di meno.
Vale sicuramente la pena provare questi consigli per dire addio alle lacrime quando si cucina.
E tu quale tecnica usi? Lascia la tua opinione nei commenti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала