Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

On. Delmastro, sul green pass: “Studiare strumenti per ripartire e non per ricattare i cittadini”

© AFP 2021 / Jack GuezGreen pass
Green pass - Sputnik Italia, 1920, 18.07.2021
Seguici su
La decisione di Macron di rendere obbligatorio il green pass per accedere a ristoranti, bar, centri commerciali, treni ed aerei ha immediatamente surriscaldato in Italia il dibattito politico sulla possibilità o meno di estendere simili misure anche alla popolazione italiana.
Subito, a favore della scelta francese si è espresso il generale Francesco Paolo Figliuolo: “Utilizzare il green pass per questo tipo di eventi potrebbe essere una buona soluzione. Potrebbe essere anche una spinta per la vaccinazione”, come pure gli ormai noti esperti e virologi opinionisti. Pronti a copiare Macron anche M5s, PD e FI, invece, di parere decisamente contrario Lega e Fratelli d’Italia.
Matteo Salvini, ha ribadito: “Vaccino, tampone o green pass per entrare in bar e ristoranti? Non scherziamo”, Giorgia Meloni assumendo toni ancor più decisi non ha esitato a definire “raggelante” tale possibilità: “L’ultimo passo verso la realizzazione di una società orwelliana. Una follia anticostituzionale che Fratelli d’Italia respinge con forza”.
Dopo la parentesi di felicità grazie alla vittoria degli “azzurri” agli europei di calcio, pare si stia tornando al clima snervante d’insicurezza su come evolverà la situazione e quali saranno le prossime misure che il governo metterà in campo.
Roberto Battiston - Sputnik Italia, 1920, 12.07.2021
Il fisico Battiston: “Tra 10 giorni vedremo l’effetto di Euro 2020 sui contagi”
Il fulcro della questione è sempre lo stesso: convincere gli indecisi e i contrari a farsi inoculare il vaccino, oppure rendere la vaccinazione obbligatoria trovando quadri normativi accettabili che ne giustifichino la coercizione.
La logica è chiara: vaccino, ottenimento del green pass, quindi accesso ai luoghi significativi della vita sociale. Al contrario: niente vaccino, niente vita sociale. Sputnik Italia ne ha parlato con l’onorevole Andrea Delmastro Delle Vedove di Fratelli d’Italia:
© Foto : Andrea Delmastro Delle Vedove Andrea Delmastro Delle Vedove
Andrea Delmastro Delle Vedove  - Sputnik Italia, 1920, 16.07.2021
Andrea Delmastro Delle Vedove
— Credo che sia un ignobile, vergognoso, inaccettabile, immorale ricatto sociale di massa nei confronti dei cittadini. Voglio sperare che il governo italiano stia lontano da un’ipotesi così catastrofale sotto il profilo dei diritti, anche di rilevanza costituzionale, dei cittadini che non possono essere ricattati. Dobbiamo studiare strumenti per ripartire e non per ricattare i cittadini.
Qualora l’Italia sposi la linea Macron di fatto verrebbero esclusi dalla vita sociale parti consistenti della popolazione. E poi? A questa fetta di popolazione che comunque dovrà muoversi, studiare, lavorare, guadagnare.. chi ci penserà? Come vivranno?
— Io credo che l’Italia debba tenersi ben distante e distinta da questa ipotesi sciagurata messa in campo da Macron e dal governo francese. Purtroppo non credo che se ne starà ben distante e distinta, a patto che faccia riferimento a quei motivi che abbiamo noi nel cuore e che sono proprio le preoccupazioni: di chi vuole lavorare, di chi vuole vivere, di chi vuole vivere del suo e del proprio lavoro. Qui abbiamo un governo il cui orizzonte culturale è il reddito di cittadinanza, i sostegni, i ristori e non hanno ancora capito che l’economia reale oggi, in Italia, sta solo chiedendo di essere libera di poter lavorare.

Conseguenze sociali devastanti

Quali saranno le conseguenze soprattutto dal punto di vista sociale?
— Sarebbero ulteriormente devastanti. Abbiamo già una serie di indici di una “sindemia” concausata dalle scelte folli di questo governo, dal ministro Speranza che concepisce solo le chiusure per superare la pandemia. Abbiamo una serie di disagi sociali ormai manifesti soprattutto tra i più giovani, specialmente di natura psicologica. Dobbiamo ormai curare le ferite collaterali della pandemia concausate dai provvedimenti “chiusuristi” di Speranza e del CTS. Speranza, l’uomo i cui neuroni concepivano solo le chiusure al posto di concepire, viceversa, protocolli di sicurezza per consentire alle nostre imprese di aprire, mantenere aperto e ripartire in sicurezza.
La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni   - Sputnik Italia, 1920, 14.05.2021
Meloni critica la politica di Draghi, "più chiusurista di Conte"
Secondo l’ordinamento costituzionale del nostro Paese ciò è fattibile? Giorgia Meloni nella sua nota di dissenso verso tale ipotesi ha sottolineato: “Per noi la libertà individuale è sacra e inviolabile”. Ce la farete in Italia a mantenere saldo questo principio?
Noi ci batteremo come dei leoni perché la libertà “sacra e inviolabile” è consacrata dalla nostra Costituzione. Debbo dire che ne hanno fatto scempio dove intervenivano con DCPM per erodere le libertà di rilevanza costituzionale: libertà di movimento, libertà di azione, libertà d’impresa, libertà di associazione. Quindi non ci troverei nulla di strano se il parlamento italiano emulasse sciaguratamente Macron e lo possa fare anche con prassi anticostituzionali. Noi comunque, in ogni caso, difenderemo il popolo italiano e promulgheremo giudizi di costituzionalità sui provvedimenti che a questo punto diventerebbero solo un ricatto sociale.

Discriminazione sociale

Si parla tanto di diritti per tutti e guai ad ogni discriminazione, addirittura la sinistra in Italia ha fatto di queste istanze il proprio manifesto programmatico; ma in tal caso, rendendo il green pass obbligatorio, non si attuerebbe invece una manifesta discriminazione verso quei cittadini che non si sono macchiati di nessun crimine, ma che semplicemente esercitando un diritto previsto dalla Costituzione hanno deciso di non vaccinarsi?
— Assolutamente si! La sinistra invoca presunti sedicenti diritti solo a corrente alternata per usarli come clava contro il pensiero altrui. Immagino lei faccia riferimento al DDL Zan che non introduce un solo diritto in più, una sola tutela in più, ma che in compenso cerca di processare idee, imbavagliare l’opposizione e avere una via giudiziaria sulla visione antropologica del mondo, ossia: tu puoi avere una visione antropologica del mondo se è conforme alla mia, se non è conforme alla mia io ti processo. Ecco, questa sinistra qua, evidentemente, non ha mai avuto in mente i diritti, ma ha in mente un universo concentrazionario di psico-polizia dove si processa il dissenso. L’ipotesi del green pass conferma questa ipotesi perché in questo caso s’interviene su diritti reali per eroderli o per asfaltarli. Noi siamo qui a difenderli perché quando i diritti sono leciti, reali e concreti la destra è sempre stata presente nel campo delle libertà.
Green pass - Sputnik Italia, 1920, 16.07.2021
Green pass obbligatorio per legge, ma dove? Governo al lavoro su elenco
Un’ultima domanda, con una nota di sarcasmo, perché in Italia ormai c’è l’abitudine di conformarsi: un giorno all’agenda di Parigi, un altro giorno a quella di Berlino, o Bruxelles, o Washington.. L’Italia non rappresenta più come una volta un faro di civiltà?
— Guardi! Siamo ormai ai presidenti del consiglio che per sentirsi qualcuno devono dirsi: filoatlantici, filocinesi filo- sempre a qualcosa. Noi siamo filoitaliani. Abbiamo addirittura avuto un governo che è stato portato ad un certo punto sulla formula “Ursula” (von der Leyen ndr.) e hanno creato in laboratorio il “Conte bis” che per metà è stato “giallo-verde” per l’altra metà “giallo-rosso”. Noi crediamo che una via allo sviluppo in termini economici, spirituali, tradizionali, culturali dell’italianità ci sia, purché finalmente qualcuna possa sollevarla e percorrerla. Ma quel qualcuno dovrebbe essere legittimato dal voto popolare e non, come sempre, essere legittimato dalle cancellerie straniere. Non siamo una colonia, non siamo sotto tutela. Noi rivendichiamo il diritto di tornare alle urne e al voto, in questi mesi abbiamo invece scoperto che non si poteva più votare da nessuna parte tranne che per le primarie del PD.
L'opinione dell'autore potrebbe non coincidere con la posizione della redazione.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала