Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green pass per discoteche e ristoranti al chiuso: ecco quando potrebbe scattare l'obbligo

© Sputnik . Evgeny Utkin Ristoranti vuoti in Italia
Ristoranti vuoti in Italia - Sputnik Italia, 1920, 18.07.2021
Seguici su
Secondo il Corriere della Sera il nuovo decreto che estenderà l'utilizzo del Green pass potrebbe arrivare già il prossimo 26 luglio. Discoteche e ristoranti al chiuso nella lista dei luoghi accessibili soltanto con il lasciapassare.
Ci sono le discoteche ma anche i ristoranti al chiuso nella lista dei luoghi dove si potrà entrare soltanto con il green pass. Le nuove regole, secondo le indiscrezioni pubblicate dal Corriere della Sera, potrebbero entrare in vigore già dal 26 luglio prossimo
Il governo, secondo quanto si legge sullo stesso quotidiano, avrebbe già chiuso un accordo in questo senso. L’obiettivo è evitare di introdurre nuove restrizioni, come la chiusura dei locali e dei ristoranti al chiuso, in piena stagione estiva, a fronte di una curva dei contagi che cresce vertiginosamente per effetto della variante Delta e degli assembramenti per gli Europei di calcio.
I focolai si moltiplicano in tutta Italia in queste ore, ma non c’è ancora un aumento significativo dei ricoveri e dei decessi, sia per effetto della protezione offerta dal vaccino, sia per l’età media dei contagiati, che secondo gli ultimi dati dell’Iss sarebbe scesa a 28 anni.
Per questo, come aveva annunciato già nei giorni scorsi il ministro della Salute, Roberto Speranza, verranno rivisti anche i criteri per il cambio di colore delle regioni.
Il nuovo meccanismo, sempre secondo il Corriere, dovrebbe essere inserito già nel prossimo decreto.
A decidere il passaggio in zona gialla, arancione o rossa dei territori non sarà più soltanto il numero di contagi settimanali ogni 100mila abitanti, ma soprattutto il tasso di ospedalizzazione e di occupazione delle terapie intensive.
In questo modo, secondo l’esecutivo, tutto lo Stivale dovrebbe rimanere “bianco” fino a dopo Ferragosto, salvando così la stagione estiva, minacciata dalla corsa della variante Delta.

Italiani divisi sul green pass

Intanto, l’utilizzo estensivo del green pass, nato per assicurare la libera circolazione all’interno del territorio dell’Ue e per partecipare ai grandi eventi, divide gli italiani. L’ultimo sondaggio, realizzato da Antonio Noto per il Quotidiano Nazionale, fotografa un’Italia spaccata in due.
Se il 56 per cento degli italiani pensa che sia giusto consentire determinate attività soltanto a chi è vaccinato, guarito dalla malattia o a chi risulta negativo al tampone effettuato 48 ore prima, la restante parte non è d’accordo.
Sull’ipotesi dell’utilizzo del lasciapassare verde per accedere ai ristoranti al chiuso, invece, la percentuale dei favorevoli scende al 40 per cento e addirittura al 19 per i locali all’aperto. I sostenitori del provvedimento aumentano, invece fino al 59 e 64 per cento quando si parla di treni e aerei, mentre quasi il 70 per cento della popolazione è contraria ad un nuovo lockdown.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала