Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I lavoratori della Gkn sotto la prefettura di Firenze: "Crediamo nella lotta"

La Gkn Firenze - Sputnik Italia, 1920, 15.07.2021
Seguici su
Il tavolo convocato dal Mise con la proprietà e i sindacati è stato trasferito in presenza nel capoluogo toscano su richiesta dei dipendenti.
Sono pronti a lottare per difendere il loro posto di lavoro e i loro diritti gli oltre 400 lavoratori della Gkn di Firenze. E per dimostrarlo saranno in presidio sotto la prefettura di Firenze dove oggi alle 14 inizia il tavolo convocato dal ministeri dello Sviluppo economico per discutere con azienda e sindacati della procedura di licenziamenti avviata.
"Noi andiamo li motivati, credendo nella lotta e certi di tutta la solidarietà del territorio e dei compagni che abbiamo avuto fino a oggi", dice a Sputnik Italia Davide Agati.
La presenza è ancora più importante perché è stata proprio l'assemblea dei lavoratori a chiedere che il tavolo di trattativa fosse trasferito a Firenze e non fosse convocato in modalità da remoto.
La viceministra Alessandra Todde in arrivo a Firenze ha detto:
“Il nostro obiettivo primario è farli recedere dalla scelta di chiudere lo stabilimento e quindi aprire una trattativa per soluzioni che salvaguardino il perimetro occupazionale. Le ristrutturazioni sono lecite, le delocalizzazioni annunciate via mail sono inaccettabili".

Poche speranze ma tanta forza

Sulle speranze o possibili spiragli di apertura da parte di Gkn i lavoratori non si sbilanciano, vogliono vedere come va il primo incontro.
E sulla pagina Facebook Collettivo di Fabbrica-Lavoratori Gnk Firenze scrivono ricordando le altre vertenze che li hanno preceduti: "Ci portiamo dietro tutte le ferite e le sconfitte delle precedenti vertenze. Siamo e siamo stati i minatori sardi, gli operai dell'Alfa Romeo di Arese, di Termini Imerese, siamo gli operai della Bekaert ecc. ecc. Ma proprio perché li portiamo tutti con noi, perché li sentiamo sulla nostra pelle, noi possiamo provare a essere diversi. Saremo diversi se saremo tutti".
E poi ricordano lo sciopero generale convocato per il 19 luglio a Firenze chiedendo la maggiore partecipazione possibile.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала