Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Renzi indagato per finanziamento illecito ai partiti: "Sono tranquillo. Il tempo è galantuomo"

© Foto : Evgeny UtkinMatteo Renzi
Matteo Renzi - Sputnik Italia, 1920, 14.07.2021
Seguici su
Le indagini della Procura riguardano il documentario girato da Matteo Renzi con Lucio Presta.
Nonostante l'apertura di un'inchiesta nei suoi confronti Indagato per i reati di finanziamento illecito ai partiti e false fatturazioni, il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, si è detto tranquillo del fatto che il lavoro dei magistrati sancirà la sua innocenza rispetto alle accuse.
Indagato dalla Procura nell'ambito della realizzazione del documentario "Firenze secondo me", prodotto da Lucio Presta, Renzi ha ribadito la propria "massima e piena disponibilità ai magistrati romani di chiarire tutto":

"Da parte mia c'è totale tranquillità personale e nessuna rabbia istituzionale. Tutto è perfettamente documentato, legittimo e regolare. Quando i magistrati ci chiederanno conto, vedranno che dalle carte è tutto a posto. Sono assolutamente tranquillo, perché questa roba non sta né in cielo né in terra", sono state le parole di Renzi.

L'ex premier si è detto tranquillo, precisando di vivere questo momento "con la voglia di chi sa che il tempo è galantuomo":
"Trasformo l'odio, la rabbia in benzina. Vicende del genere possono abbattere, buttare giù di morale; per me è esattamente l'opposto, sono uno straordinario elemento di reazione", ha aggiunto Renzi.
Il leader di IV ha quindi fatto riferimento al caso Banca Etruria e ad altre indagini, puntualizzando come in molti casi abbia ricevuto delle scuse per le accuse subite.
"Ricordate quanto fango ci hanno tirato addosso per le banche nel 2016 e per tante altre vicende? ci hanno chiesto scusa in molti casi, perché il tempo è galantuomo", ha concluso Renzi.
Matteo Renzi - Sputnik Italia, 1920, 13.07.2021
Indagati per illecito finanziario Matteo Renzi e Lucio Presta

Le indagini della Procura

Il reato di finanziamento illecito ai partiti per i quali sono indagati Matteo Renzi ed il manager dei vip Lucio Presta riguarda il documentario su Firenze "Firenze secondo me" realizzato da Renzi con la casa di produzione Arcobaleno 3 della famiglia Presta.
ll documentario, costato quasi un milione di euro tra compenso per Renzi e spese di produzione, è stato mandato in onda su Discovery Channel ottenendo tuttavia scarsi risultati con il solo 2% di share, e la famiglia Presta ha ricevuto dal canale solo 20mila euro. Per il documentario Matteo Renzi invece aveva ricevuto 454mila euro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала