Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il W20, G20 delle donne a Roma: “Rimettere al centro del cambiamento le donne”

Intesa al G20 sulla global minimum tax - Sputnik Italia, 1920, 14.07.2021
Seguici su
Il secondo giorno di incontri per focalizzare le urgenze e gli impegni da consegnare ai leader dei 20 Paesi più potenti del mondo per una parità di genere vera.
La tre giorni di incontri e discussioni del Women20 (W20) l'engagement Group ufficiale del G20 composto da donne rappresentanti dei venti paesi più industrializzati è giunta alla sua seconda giornata e domani si concluderà consegnando ai leader del G20 le richieste indispensabili per raggiungere una vera parità di genere che rimetta al centro del cambiamento e del futuro le donne.
Linda Laura Sabbadini W20 Chair, ha spiegato che è necessario creare una "roadmap per l'uguaglianza", soprattutto dopo la pandemia che ha avuto un impatto duro sul mondo femminile, sul lavoro e sull’istruzione, anche per le bambine.
Le donne sono state "allo stesso tempo pilastro del sistema di welfare e della lotta alla pandemia, ma la loro situazione si è aggravata", ha sottolineato.
Ma pur essendo pilastro le statistiche internazionali fotografano la diseguaglianza crescente tra uomini e donne: queste ultime hanno il 24% in più di possibilità di perdere il lavoro.
E, come ha voluto ricordare ieri la presidente del Senato Elisabetta Casellati, "in 18 paesi del G20 le donne continuano ad essere pagate oltre il 15% in meno degli uomini e solo il 55% delle donne è coinvolto nel mercato del lavoro rispetto al 71% degli uomini”.

Il focus sulla violenza

Oltre alla parità di genere al W20 si è discusso anche dei femminicidi: sul fronte della violenza sulle donne c’è un problema "di applicazione delle leggi ed anche culturale", ha detto la ministra del Sud Mara Carfagna.
L'Italia è un Paese dotato di buone leggi" e l'Italia è "riuscita a fare passi in avanti importanti
sul fronte delle leggi contro la violenza", “le leggi ci sono e vanno applicate bene".
E la ministra ha postato su Twitter un messaggio in cui parla dello "sguardo carico di pregiudizio di alcuni uomini verso le donne", che "fa ridere: sono dei dinosauri in via d'estinzione".

Von der Leyen: basta scegliere tra maternità e carriera

Il messaggio che la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha voluto riservare al W20 è stato istituzionale ma anche molto personale.
“A troppe di noi è stato detto che dovevamo scegliere tra essere madre e fare carriera. Come madre di sette figli e come presidente della Commissione europea, mi permetto di dissentire. Ma conosco gli ostacoli che le donne affrontano”.
L’Ue, proprio nel mandato di von der Leyen, ha l’obiettivo di ridurre il divario occupazionale tra uomini e donne del 50% entro il 2030.
E la presidente dell’esecutivo Ue ha promesso di portare questo impegno anche al tavolo del G20 di ottobre in cui probabilmente sarà l’unica donna: “Non potrebbe esserci un promemoria migliore di quanto sia ancora lunga la strada verso la parità di genere”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала