Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Salvini su Ddl Zan: "Tenere fuori dalla battaglia politica l'educazione dei bambini"

© AP Photo / Hassene DridiMatteo Salvini
Matteo Salvini - Sputnik Italia, 1920, 13.07.2021
Seguici su
Il leader della Lega afferma che il suo partito è coerente sul difendere ogni cittadino da violenze ed abusi, ma dichiara necessario lasciare fuori da questo tema l'educazione dei bambini.
Nel corso del punto stampa a Maratea, dove Salvini era oggi in visita per la raccolta firme sul referendum giustizia, il leader ha parlato anche del Ddl Zan la cui discussione in Senato inizierà oggi.
"La Lega è forza coerente: difendere vittime di abusi e violenze è sacrosanto, ma lasciamo fuori l'educazione dei bambini da questa battaglia politica" ha dichiarato Salvini.
In seguito durante un comizio tenuto a Battipaglia (Salerno) il leader della Lega ha continuato a parlare del tema del Ddl Zan, affermando che la Lega richiede la rimozione della questione bambini nella legge poiché "non usiamo i bambini, non si può far politica sulla pelle di bambini di 6 o 7 anni".

Nel pomeriggio Salvini a Roma per discussione su Ddl Zan al Senato

Salvini ha poi aggiunto che, nonostante gli impegni del giorno a Caserta e Napoli tornerà a Roma nel pomeriggio perché il Pd porterà in aula il Ddl Zan.
"Io chiarisco una volta per tutte che sono per le libertà: la libertà d'impresa, di cura, di pensiero e quindi anche la libertà d'amore. Ovviamente nessuno dev'essere toccato, insultato, discriminato, per Battipaglia possono andare in giro mano nella mano e baciandosi due ragazzi, due ragazze, a me non interessa se uno è etero, omosessuale e cosa fa nella sua vita privata, è affare suo e nessuno si permetta di offenderlo. Però da questa legge la Lega chiede che si tolgano i bambini" ha spiegato il leader del Carroccio.

Educazione ai bambini non proviene dallo Stato ma dai genitori

Il leader della Lega ha ribadito l'importanza di togliere dalla legge la questione sull'educazione dei bambini in quanto quest'ultima "non spetta allo Stato o a qualche associazione, spetta alla mamma e al papà, e dico mamma e papà apposta perché per noi esistono la mamma e il papà, non il genitore 1, il genitore 2 o il genitore 32".
"Qualcuno dice che siamo all'antica ma secondo me questo non è il passato, ma è il presente e il futuro. Io rispetto la vita di tutti, però non mettiamo in discussione le nostre radici, le nostre culture, le nostre tradizioni, le nostre identità" ha concluso Salvini.
Bandiera Lgbt - Sputnik Italia, 1920, 12.07.2021
Ddl Zan, Scalfarotto: “Al Senato da domani sarà il Vietnam. La legge è a rischio”
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала