Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Messico, ucciso in un agguato il volontario italiano Michele Colosio

© Michele Colosio Michele Colosio
Michele Colosio - Sputnik Italia, 1920, 13.07.2021
Seguici su
Il 42 enne bresciano è stato ucciso con 4 colpi di arma da fuoco durante una rapina a San Cristobal, mentre rientrava a casa dopo aver festeggiato la vittoria dell'Italia agli europei di calcio.
Un italiano è stato ucciso in un agguato a San Cristobal, in Messico, domenica sera. Il suo corpo è stato identificato nelle scorse ore dalle autorità locali. Si tratta di Michele Colosio, un volontario di 42 anni originario di Brescia, che viveva da dieci anni nel Paese.
Secondo quanto riporta un post della comunità in cui era impegnato, Colosio è rimasto vittima di una rapina a mano armata, mentre rientrava a casa dopo aver festeggiato la vittoria dell'Italia agli europei verso le nove di sera.
Durante l'assalto è stato ferito mortalmente con colpi di arma da fuoco. Trasportato dai soccorsi, il 42enne è deceduto prima dell'arrivo in ospedale. La sua identificazione è avvenuta solo dopo il decesso.
Restano ancora frammentate le notizie sulla sua morte, finora diffuse dalla comunità Casa de Salud "Yi'bel ik' Raíz del Viento". L'agguato sarebbe stato condotto da una banda criminale. Le indagini sono tutt'ora in corso.
Michele Colosio era originario di Borgosatollo, nel bresciano, ma da dieci anni faceva la spola con il Messico, dove era impegnato in diversi progetti di cooperazione e volontariato. Prima del suo impegno nel sociale, aveva lavorato come radiologo in ospedale. Questo percorso lo ha poi portato alla Casa de Salud di San Cristobal.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала