Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Crisanti: “Il liberi tutti è pericoloso. Il rischio sono nuove mutazioni più resistenti”

Andrea Crisanti - Sputnik Italia, 1920, 13.07.2021
Seguici su
I contagi continueranno a salire e non si raggiungerà l’immunità di gregge, per questo bisogna pensare alla terza dose in futuro.
Per il virologo Andrea Crisanti l’andamento della pandemia è preoccupante, soprattutto per l’alleggerimento delle restrizioni in diversi Paesi, come l’Inghilterra, una situazione che “rischia di facilitare nuove varianti più resistenti ai vaccini”.
E anche se in Italia la situazione dei contagi è sotto controllo, con meno di 1.000 infezioni al giorno che però salgono a ritmo costante, gli “assembramenti aiutano sempre il virus” e “non si può far finta che la variante Delta non sia un rischio per un Paese come l’Italia” dove meno della metà della popolazione è totalmente vaccinata.
Parlando alla Stampa, il virologo sottolinea che per l’autunno non si raggiungerà l’immunità di gregge e quindi l’unica risposta è quella di “dover vaccinare tutti e preparare una terza dose aggiornata su cui la comunità scientifica è bene che inizi a discutere”.

Concentrarsi sui vaccini mRna

Per Crisanti adesso che le dosi di AstraZeneca e J&J somministrate in Italia sono sempre di meno, bisogna concentrarsi per capire quale tipo di vaccino è più efficace per una terza dose.
“È vero che la tecnologia a Rna sta dando i migliori risultati, ma c’è la possibilità che non sia adatta per ulteriori somministrazioni a causa di alcuni effetti collaterali infiammatori. Israele sta procedendo a una prova sul campo e vedremo i dati”.
Quindi “meglio fare dei test per capire quale sia il migliore per la terza dose e andare avanti con uno”, per l’esperto.

Ultimi dati Covid in Italia

Ieri, 12 luglio, l'Italia ha registrato un aumento di 888 casi Covid, cifra che porta il totale di casi dall'inizio della pandemia a 4.272.163.
Nell'ultimo giorno sono state registrate 13 vittime, mentre il totale dei decessi sale a 127.788.
La crescita del numero di persone che sono guarite dalla malattia è stata nel giorno di ieri di 1.529 unità, cifra che porta il totale dei guariti a 4.103.949.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала