Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

“Oggi è il giorno”: Portiamoci la coppa degli Europei 2020 a casa!

© REUTERS / Laurence Griffiths Nazionale Italiana dopo la vittoria contro la Spagna, Euro 2020
Nazionale Italiana dopo la vittoria contro la Spagna, Euro 2020 - Sputnik Italia, 1920, 11.07.2021
Seguici su
Pronti, perché oggi è il giorno degli azzurri a Londra. Siamo presenti a Wimbledon e a Wembley e c'è tanta voglia di fare la storia.
Il principe William ha pubblicato un video su Twitter in cui ha detto: “Portiamo la coppa a casa” alludendo alla coppa degli Europei 2020, ma non è corretto perché loro giocano in casa e la coppa è già a Londra. Siamo noi gli unici che possono dire “Portiamoci la coppa a casa!”, ed appunto oggi è il giorno.
Oggi è il giorno in cui “Its coming Rome” (Roma sta arrivando), scrivono in tanti nel regno degli hashtag - Twitter - alludendo ai tanti richiami all’Antica Roma fatti in questi giorni dai quotidiani inglesi per ricordare il legame storico tra le due nazioni ed anche i nostri meriti.
Oggi è il giorno "e comunque finirà sarà storia per l’Italia", scrive il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, pensando non solo alla nazionale azzurra attesa questa sera da una agguerrita Inghilterra allo stadio di Wembley, ma anche pensando a Matteo Berrettini che nel tennis ha agguantato la finale di Wimbledon come primo italiano nella storia di questa competizione sportiva.
Ma la storia la fai meglio se oggi è il giorno in cui vinciamo a Wimbledon (inizio ore 15.00) prima e a Wembley poi (inizio ore 21.00). Quale modo migliore di questo per fare la storia dello sport italiano ed europeo?
La nazionale azzurra potrebbe dare un passaggio a Berrettini sul loro aereo e “returning to Rome” tutti insieme festeggiando.
Ad Insigne si chiede di darci “il nostro tiraggiro quotidiano”, a Chiesa una delle sue impavide trovate, ad Immobile di segnarlo un gol.
E oggi è il giorno, anche perché con noi avremo il nostro stimatissimo presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella. Non sappiamo se potrà alzarsi in piedi, o se lo farebbe, come Sandro Pertini nel 1982 durante la finale di Coppa del Mondo allo stadio Bernabéu di Madrid, però lo auspichiamo…
…Ah, e per chi non lo sapesse, quella finale dei mondiali dell’’82 giocata contro la Germania Ovest la vincemmo l’11 luglio di 39 anni fa esatti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала